Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Audio / Video / TV / Streaming » Winamp diventa opensource per non morire

Winamp diventa opensource per non morire

Pubblicità

Winamp è uno storico player multimediale, molto noto tra gli utenti di PC con Windows di vecchia data (era stato portato su macOS ma non ha mai attirato più di tanto l’interesse degli utenti Mac).

Sul sito ufficiale dedicato al player, gli sviluppatori hanno riferito di voler rendere pubblico il codice sorgente, permettendo in questo modo alla community di contribuire direttamente allo sviluppo.

Winamp sarà “aperto agli sviluppatori di tutto il mondo” il prossimo 24 settembre. “È un invito a una collaborazione globale”, spiegano gli sviluppatori “potranno contribuire con la loro esperienza, le loro idee e la loro passione per far evolvere questo software iconico”.

La realtà è che, molto probabilmente, si tratta di un tentativo di rianimare un software storico ma che ormai ha poco senso avere.

Nel 1999 il software Winamp fu acquisito da AOL che però non lo sfruttò mai o probabilmente perché non capi bene cosa fare del prodotto e decise di disfarsene. Dopo la chiusura da parte di AOL, Radionomy, poi Llama Group, ha deciso di acquistare il lettore e la radio online SHOUTcast, integrando nell’interfaccia la possibilità di ascoltare stazioni. Winamp è disponibile anche come app per Android (si scarica da qui) e iOS (si scarica da qui) e, come annunciato da poco, a partire dal 24 settembre 2024 il codice sorgente verrà messo a disposizione del pubblico, in modo che la community possa contribuire attivamente al suo sviluppo.

Winamp diventa opensource per non morire
La piattaforma di Winamp – Immagine di Macitynet

“La nostra attenzione sarà rivolta alla versione mobile e su altre piattaforme”, promette Alexandre Saboundjian, CEO di Winamp. “Rilasceremo un nuovo lettore mobile all’inizio di luglio. Tuttavia, non vogliamo dimenticare le decine di milioni di utenti che utilizzano il software su Windows e beneficeranno dell’esperienza e della creatività di migliaia di sviluppatori, Winamp rimarrà proprietario del software e deciderà le innovazioni apportate nella versione ufficiale.

Gli sviluppatori di Winamp hanno recentemente presentato una piattaforma di streaming musicale che si aggiunge al già affollato mercato in cui dominano Spotify, Apple Music e altre piattaforme ancora. Secondo i dati degli sviluppatori, il servizio di Winamp ospita per ora 500.000 artisti.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

GLi AirPods Pro di 2ª generazione con ricarica USB-C

Per gli Airpods Pro è il minimo storico, solo 219€

Amazon abbassa il prezzo degli Airpods Pro 2 con USB-C, li pagate 219 €, il 21% meno del prezzo Apple e il minimo storico
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità