fbpx
Home CasaVerdeSmart Apple vuole potenziare HomeKit con la tecnologia Ultra Wideband

Apple vuole potenziare HomeKit con la tecnologia Ultra Wideband

Future versioni di HomeKit potrebbero offrire la possibilità di controllare oggetti a livello di presa di corrente in base a dove si trova l’utente, anche sfruttando la tecnologia Ultra Wideband già presente sugli iPhone 2019. Apple sta verificando la possibilità di creare prese elettriche in grado di offrire un controllo granulare (di ogni singolo elemento in modo indipendente) di apparecchiature alimentate, nonché conoscere la posizione di smartphone, tablet e altri oggetti nelle vicinanze.

HomeKit permette di connettere in modo sicuro gli apparecchi di casa, per gestire luci, termostati, chiusura e apertura di porte e garage e altro ancora grazie a un network centralizzato. Questa tecnologia mette a disposizione di alcune app un certo grado di consapevolezza relativamente alla prossimità, ma non è granulare al punto di offrire funzionalità di localizzazione stanza per stanza. La possibilità di determinare esattamente la posizione all’interno di un edificio permetterebbe di offrire funzionalità avanzate, come ad esempio accendere le luci o condizionatori appena l’utente entra in una stanza.

Un brevetto scovato nel Patent and Trademark Office statunitense intitolato “Modular Wall Unit System” fa riferimento a funzionalità di questo tipo, sfruttando prese, apparecchi e impianti presenti all’interno di una casa o un edificio.

Apple mira alla diffusione di HomeKit con la tecnologia Ultra Wideband

L’idea di Apple è integrare nelle prese di corrente un “power gating”, un circuito integrato controllato da processori, configurato per abbinarsi con l’alimentazione elettrica principale e gli oggetti collegati alla spina, come segnala AppleInsider. Funzionalità di questo tipo permetterebbero di accendere/spegnere la presa da remoto. Nella presa in questione è previsto anche un modulo in grado di comunicare con altre unità host in un edificio, mettendo a disposizione la possibilità di ricevere comandi e inviare dati, elementi che possono spaziare dal consumo di energia a elementi che permettono di riconoscere se un dispositivo è collegato o meno a una presa.

Nelle prese elettrica, Apple ha previsto la possibilità di integrare componenti aggiuntivi come ad esempio un modulo di orientamento automatico che sfrutta un array di antenne per comunicare con più unità host per calcolare fase di carico e l’arrivo di dati, un magnetometro che funziona alla stregua di una bussola e un accelerometro per individuare l’orientamento.

Usando varie componenti è possibile ottenere una gestione centralizzata dell’edificio, creando una planimetria del piano, determinando indicativamente ogni presa elettrica in relazione con l’altra, permettendo potenzialmente di raggrupparle per stanza con finalità di controllo in massa dei dispositivi.

iPhone 11 con chip U1 offre localizzazione Ultra Wideband e potenzia AirDropNel brevetto di Apple, viene proposto anche l’uso di altre tecnologie per stabilire la posizione e inclinazione delle prese, incluse tecnologie radar, protocolli di comunicazione IEEE 802, ultrasuoni e la tecnologia radio Ultra Wideband (UWB). L’Ultra Wideband è di particolare interesse perché già integrata in iPhone 11 e iPhone 11 Pro grazie al chip Apple U1 specifico per la localizzazione in interni, al momento usato per localizzare con precisione gli altri dispositivi Apple che ne sono dotati ma che potrebbe essere usato per molto altro.

L’aggiunta del supporto UWB alle prese elettriche permetterebbe non solo a queste di comunicare l’una con l’altra ma anche di determinare la loro posizione nello spazio 3D e la presenza di iPhone nelle vicinanze per offrire la prima menzionata granularità per funzionalità di geolocalizzazione domestica.

Gli oggetti di riferimento pensati da Apple non devono necessariamente essere prese di corrente. Apple spiega che elementi di questo tipo inseribili nelle pareti possono essere interruttori di illuminazione, sistemi di controllo della temperatura e altri ancora con sensori che è possibile collegare in rete. Come sempre ricordiamo che Apple deposita e registra ogni anno centinaia di brevetti e non sempre questi si trasformano in prodotti che poi vengono effettivamente commercializzati.

Per conoscere tutte le novità sui brevetti Apple, fate riferimento alla nostra sezione dedicata. Invece per tutti i dispositivi HomeKit e articoli sulla tecnologia di automazione per la casa è possibile partire da questa pagina.

Offerte Speciali

Nuovo MacBook Pro 16 torna lo sconto Amazon: risparmiate più di 200€

MacBook Pro 16″ su Amazon al prezzo minimo storico: sconto di oltre 400€!

Torna lo sconto sul MacBook Pro 16". L'ultima creatura della Mela è in fortissimo sconto sia nella versione da 512 GB che nella versione da 1 TB. Risparmiate fino a oltre 400 euro
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,400FansMi piace
95,095FollowerSegui