Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPhone » Apple, il prossimo grande prodotto può aspettare

Apple, il prossimo grande prodotto può aspettare

Pubblicità

Gli analisti sono così comunemente preoccupati per il futuro delle azioni Apple che in rete circola perfino un meme che recita “Apple is doomed” (trad: Apple è condannata). Tra questi c’è però anche chi vede per l’azienda un futuro roseo e a lungo termine: Benedict Evans, ad esempio, ha recentemente pubblicato un articolo in cui ben descrive il proprio punto di vista, spiegando come Apple riesca a cavalcare l’onda nonostante potrebbe ancora volerci un po’ per vedere il “Next Big Thing”, il prossimo grande prodotto.

Indipendente dalle discussioni e dal panico crescente per le prospettive che ruotano intorno ad Apple, «non si può non notare come riesca continuamente a trasformare in maniera affidabile il metallo in denaro, anche se si potrebbe contestare la parte che dice “esattamente nei tempi previsti”». Ogni anno, con precisione metronomica – scrive – l’azienda fornisce una nuova serie di prodotti e servizi che si inseriscono in un piano strategico decennale. Ogni anno sforna un telefono completamente nuovo, esattamente nei tempi previsti, che guida e mantiene il ritmo per l’intero settore e che viene spedito in centinaia di milioni di unità in tutto il mondo: prodotti che sono poi lavorati in alluminio e in acciaio inossidabile, con un margine lordo del 40%. «E questo è molto difficile».

Apple ha aperto la strada ai PC – prosegue – poi in questo mercato ha perso terreno ed è sopravvissuta a malapena. Ma ora è più grande dei PC: ci sono più iPhone e iPad in uso oggi rispetto a tutti i PC messi insieme, che usano processori creati da Apple e che sono più avanti di quelli di Intel e di Qualcomm. Nell’era Microsoft, tutto quel che concerneva la tecnologia era un accessorio per PC, mentre adesso i PC sono gli accessori degli smartphone, e Apple fa gli smartphone molto bene. Chiaramente questo discorso non vale per tutti: per molte persone il Mac rimane il dispositivo principale e per quanto riguarda i PC, i videogiocatori potrebbero dire lo stesso. Ma per la gran parte dei consumatori, lo smartphone è il centro della loro vita digitale.

apple

E’ chiaro comunque che le azioni di Apple debbano affrontare alcune sfide: in particolare, i ricavi dei servizi dovrebbero subire un duro colpo a causa delle misure antitrust, e allo stesso modo ne risentiranno anche le entrate dell’App Store. In quest’ottica non è neppure chiaro per quanto tempo ancora l’azienda sarà in grado di continuare a guadagnare quei 10 miliardi di dollari all’anno che Google versa nelle sue casse per restare il motore di ricerca predefinito di iPhone. Ma è altrettanto certo che Apple ha tutte le carte in regola per poter prosperare anche senza queste entrate.

Secondo Evans c’è anche troppa preoccupazione riguardo a quanto tempo impiegherà Apple per lanciare la prossima grande categoria di prodotti. Prima o poi lo farà, dice, ma nel frattempo continuerà a realizzare un certo tipo di prodotti per un certo tipo di clienti. Questo è il piano, fin dal primo Macintosh, e quel che è cambiato è soltanto il numero dei clienti che ci sono oggi rispetto a ieri. Il primo Mac ha venduto poche centinaia di migliaia di unità (era il 1984), mentre oggi Apple vende mezzo milione di iPhone ogni giorno. L’azienda e il mercato sono cresciuti insieme.

Ovviamente Apple deve continuare a chiedersi cosa ci sarà dopo, ma ci sono tutte le ragioni per credere che continuerà a fare quel che sta facendo, e a un certo punto certamente troverà la sua Next Big Thing: nel frattempo continua a spedire prodotti, e le persone continuano a comprarli.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

GLi AirPods Pro di 2ª generazione con ricarica USB-C

Per gli Airpods Pro è il minimo storico, solo 219€

Amazon abbassa il prezzo degli Airpods Pro 2 con USB-C, li pagate 219 €, il 21% meno del prezzo Apple e il minimo storico
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità