fbpx
Home iPhonia il mio iPhone Caso San Bernardino, per Apple supporto di consulente ONU su libertà d'espressione

Caso San Bernardino, per Apple supporto di consulente ONU su libertà d’espressione

Nella lista di interventi a sostegno (“amicus briefs”) di Apple nel caso che vede contrapposta l’azienda di Cupertino all’FBI, c’è anche David Kaye, Special Rapporteur in libertà di espressione e in diritti umani delle Nazioni Unite. Nell’elenco dei “supporter” ottenuto da BuzzFeed e pronti a presentare osservazioni alla Corte si spiega che “nell’era digitale le comunicazioni sicure sono fondamentali all’esercizio della libertà di opinione ed espressione, permettendo il mantenimento di opinioni senza interferenze e assicurando il diritto di cercare, ricevere e conferire informazioni e idee”.

Con l’incarico di special rapporteur delle Nazioni Unite, Kaye si è occupato su scala mondiale di vari aspetti relativi ai diritti dell’uomo, inclusi diritti individuali, tutela dei mezzi di comunicazione, dei diritti di comunità vulnerabili, attivisti, dissidenti politici e altri ancora, e potrebbe offrire un punto di vista particolare che tiene conto delle implicazioni a livello mondiale nel dibattito sulla cifratura dei dispositivi che contrappone la Mela all’FBI.

Nella ormai nota vicenda che vede Apple decisa a non collaborare scrivendo un firmware ad hoc che consentirebbe di sbloccare l’iPhone dell’attentatore di San Bernardino, la Casa di Cupertino ha più volte ribadito come, a suo modo di vedere, la richiesta del governo metta “a rischio la sicurezza e la privacy di centinaia di milioni di persone in tutto il mondo”, costituendo un pericoloso precedente per la sicurezza e la riservatezza dei clienti (una volta a disposizione delle autorità, la versione modificata ad hoc di iOS potrebbe essere utilizzata in altri casi, o fornire ai pirati informatici funzionalità che potrebbero essere sfruttate per intromettersi in altri iPhone e iPad, dove sono memorizzate informazioni personali di vario tipo: documenti, fotografie, ecc.).

Il CEO Tim Cook ha più volte ribadito che il modo migliore di affrontare la controversia è attraverso “una commissione o un gruppo di esperti su intelligence, tecnologia e libertà civili nella quale discutere le implicazioni per la legge, la sicurezza nazionale, la privacy e le libertà individuali”. L’appiglio del governo USA, lo ricordiamo, è l’All Writs Act del 1789, norma che dovrebbe garantire all’autorità giudiziaria la collaborazione “forzata” di terzi o meglio una “ragionevole assistenza tecnica” per ottenere prove ritenute importanti.

David Kaye lo scorso anno ha preparato un rapporto per l’ONU evidenziando come chi applica eccessive restrizioni alla crittografia e all’anonimato viola i diritti fondamentali dei cittadini che questi “valori” tendono a tutelare. “Le restrizioni a crittografia e anonimato devono essere soggette a una valutazione per determinare se ammontino a un’inammissibile interferenza con il diritto di avere opinioni” scriveva Kaye evidenziando come spesso gli Stati giustificano i loro interventi agendo “di pancia”, in reazione a eventi terroristici “anche quando gli attentatori stessi non sono nemmeno accusati di aver fatto ricorso a crittografia o animato per pianificare o condurre il loro attacco”. Indebolire le funzioni crittografiche per favorire lo spionaggio delle agenzie d’intelligence si favoriscono contestualmente tutti i soggetti malevoli che possono sfruttare le vulnerabilità per compiere crimini o rubare dati sensibi, un ribaltamento di prospettiva e una visione che cambia il modo di vedere le debolezze di restrizioni imposte per legge.

enhanced-buzz-14255-1456958317-11

Offerte Speciali

Sconto Apple Watch SE: 319 euro su Amazon

Minimo storico per Apple Watch SE: 279 euro su Amazon

Su Amazon iPhone SE va al minimo storico. Lo pagate solo 279 euro nella versione da 40mm e 299 nella versione da 44mm
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,823FansMi piace
93,182FollowerSegui