Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » CES, IFA, MWC & EXPO » MWC23, Bosch e Nokia lavorano alle reti 6G di prossima generazione

MWC23, Bosch e Nokia lavorano alle reti 6G di prossima generazione

In tutto il mondo si intensificano le attività di ricerca e sviluppo legate al futuro standard di comunicazione mobile 6G, con aziende e paesi che investono fortemente in questa tecnologia: nel contesto del Mobile World Congress MWC 2023 Bosch annuncia la collaborazione con Nokia, oltre che di essere in prima linea e parte attiva di progetti, collaborazioni e iniziative a livello nazionale e internazionale per porre basi importanti per la tecnologia 6G.

“Il 6G sarà molto più che una infrastruttura per la connettività. Aumenterà in modo sostanziale l’efficienza dei veicoli a guida autonoma, delle smart city e dell’industria connessa. Per questo, è un campo tecnologico di importanza strategica” ha dichiarato Andreas Müller, che gestisce le iniziative Bosch legate al 6G.

“Attualmente l’azienda conta circa 40 collaboratori impegnati nello studio di questa tecnologia, un numero che sarà probabilmente raddoppiato nei prossimi due anni” ha affermato Müller. Bosch sta investendo diversi milioni di euro nelle attività di ricerca e sviluppo per il 6G.

Collaborazione Bosch e Nokia per il 6G

Al Mobile World Congress 2023 di Barcellona, Bosch e Nokia hanno annunciato che la loro collaborazione, avviata nel 2017 per lo sviluppo di soluzioni IoT industriali nell’area del 5G, si amplierà con l’inclusione della nuova tecnologia 6G. Le due aziende conducono una ricerca congiunta sulla prossima generazione di reti e stanno studiando come usare le reti 6G per la comunicazione e per i sensori.

Samsung, un documento sullo spettro 6G e i risultati della ricerca di tali frequenze

Iniziative nazionali e internazionali

Attualmente Bosch partecipa a cinque progetti a finanziamento pubblico mettendo a disposizione la propria competenza ed esperienza. Di questi, i progetti 6G-ICAS4Mobility, KOMSENS-6G e 6G-BRAINS si occupano in particolare dell’integrazione di comunicazione e riconoscimento ambientale basato sui sensori

Bosch è alla guida del primo progetto che, oltre a esaminare scenari pertinenti il traffico stradale, utilizzerà le conoscenze tratte come base tecnologica per le applicazioni del campo dei droni connessi nei sistemi di trasporto senza guidatore. I progetti 6G-ANNA e 6G-SHINE, invece, studiano le strutture per la nuova connettività, con l’obiettivo di potenziare l’efficienza delle future architetture E/E dei veicoli o delle celle robotiche.

Inoltre, l’azienda tedesca avrà un ruolo attivo nelle consultazioni preliminari e nelle attività relative agli standard di comunicazione mobile futuri all’interno di varie collaborazioni di settore. Per esempio, nella 5G Automotive Association (5GAA), le aziende leader dei settori dell’automotive e delle telecomunicazioni collaborano per sviluppare soluzioni per la mobilità del futuro. La 5G Alliance for Connected Industries and Automation (5GACIA) riunisce le aziende del settore industriale per studiare la connettività di macchinari e apparecchiature.

Reti con un sesto senso

La prossima generazione di comunicazione mobile integrerà nuove funzionalità simili ai sensori radar. Il 6G permetterà di rilevare la posizione di oggetti nell’area di copertura della rete senza che questi debbano essere dotati di un modulo radio. Con il 6G i dati saranno trasmessi a velocità elevatissime, fino a un terabit al secondo, con una latenza minima, dell’ordine di circa 100 microsecondi. Con l’aiuto dei gemelli digitali sarà quindi possibile, per esempio, monitorare e simulare i processi produttivi del mondo reale in un mondo virtuale, senza limitazioni di tempo e spazio.

Il primo standard 6G completato probabilmente entro il 2028

Negli ultimi mesi Germania ed Europa hanno avviato numerosi progetti 6G con l’obiettivo di rafforzare la loro superiorità tecnologica. Il governo tedesco, attraverso il Ministero Federale per l’Istruzione e la Ricerca (BMBF), erogherà circa 700 milioni di euro nei prossimi 3 anni per finanziare attività legate al 6G. La UE ha destinato altri 900 milioni di euro fino al 2027. Anche il Giappone e gli USA hanno avviato programmi di investimento analoghi per un totale di 4,5 miliardi di dollari.

Tutte le notizie di macitynet che riguardano le auto, i veicoli elettrici e anche la mobilità smart ed eco sostenibile sono disponibili nella sezione ViaggiareSmart. Da qui, invece, potrete accedere a tutte le notizie relative al MWC23.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Recensione iPhone 14 Plus temp

iPhone 14 Plus 128 GB al minimo, sconto di quasi il 20%

Sale lo sconto su iPhone 14 Plus. Ribasso sul prezzo già ribassato da Apple euro per il più grande degli iPhone 14. Versione 128 GB al minimo storico a 795€

Ultimi articoli

Pubblicità