Cosa si può collegare alla USB-C di iPad Pro 2018?

Cosa si può collegare alla USB-C di iPad Pro 2018?

Cosa si può collegare alla USB-C di iPad Pro 2018? Ecco una lista di accessori utilizzabili, e cosa invece non funziona.

Tra le novità hardware di iPad Pro 2018, sia del modello 11 pollici, che di quello 12,9 pollici, la presenta del collegamento Type-C , e non più del connettore proprietario Lightning. La modifica non è soltanto estetica, ma anche funzionale. E’ vero, ci sono ancora delle limitazioni, ma il connettore universale rende iPad Pro 2018 ancor più versatile e facilmente collegabile a periferiche esterne. Ecco quali lo sono le periferiche e quali gli adattatori disponibili per il collegamento.

In questa prima fase abbiamo privilegiato i prodotti ufficiali di Apple ma aggiungeremo anche altri prodotti di terze parti man mano che sarà nota la compatibilità effettiva con iPad Pro.

Monitor esterni

Il connettore USB-C serve per molte funzioni. Sui notebook di Apple in commercio oggi, ad esempio, tutte le porte USB-C sono Thunderbolt 3 (tranne quelle del Macbook 12), grazie alle quali collegare monitor esterni, con possibilità di collegare schermi multipli. L’iPad Pro non ha Thunderbolt, bensì una porta USB-C di seconda generazione USB 3.1. Ciò significa che si potrà gestire velocità di massimo 10 gigabit al secondo, e possibilità di collegare iPad Pro 2018 a monitor esterni 5K a 60 fotogrammi al secondo. Tuttavia, gli asterischi non mancano.

Cosa si può collegare alla USB-C di iPad Pro 2018?

Nello specifico, il nuovo iPad Pro può connettersi direttamente a display USB-C che comunicano tramite lo standard DisplayPort. L’iPad supporta l’uscita HDR10, così da  possa trarre il massimo vantaggio da schermi ad alta gamma dinamica, come ad esempio il monitor 27 pollici LG 27UK850 o il 32″ di LG segnalato qui.

L’iPad specchierà l’intera schermata sul display esterno, e alcune applicazioni saranno ottimizzare per la proiezione di altri dati sullo schermo aggiuntivo per poter usare lo schermo principale come strumento di visualizzazione del montato. È possibile, ad esempio, collegare l’iPad Pro 2018 ad un televisore per la visione di contenuti Netflix. Tra le limitazioni, l’impossibilità di usare il cavo USB-C fornito nella confezione con l’iPad. Infatti, per giungere ai risultati appena descritti, sarà necessario utilizzare un apposito cavo USB con supporto alle connessioni ‘a banda larga’.

Ancora, tra le limitazioni, iPad Pro non può essere collegato allo schermo LG 5K UltraFine venduto da Apple. Il perché è presto detto: il monitor ha un connettore Type-C, ma si tratta di un display Thunderbolt 3. L’iPad Pro 2018, come anticipato, non supporta le capacità di Thunderbolt 3.

Se invece si desidera connettere l’iPad Pro 2018 a un display che non dispone di una porta USB-C, ma solo HDMI, sarà necessario munirsi di adattatori in grado di supportare la risoluzione desiderata: non tutti gli adattatori vanno oltre la risoluzione di 1080p e il supporto 4K deve essere specificato. Il nuovo iPad Pro può usare un adattatore per l’uscita di segnali, ma solo quelli che utilizzano  specifiche HDMI 2.0, che supportano dunque una risoluzione massima di 4K a 60Hz.

iPad Pro 2018 diventa una batteria portatile

La porta USB-C di iPad Pro 2018 può alimentare dispositivi collegati fino a 7,5 W. Se si dispone di un cavo USB-C Lightning , è possibile collegare l’iPhone per ricaricarlo. Se si dispone di due iPad Pro 2018 sarà possibile caricarne uno, utilizzando l’altro, utilizzando un cavo USB-C – USC-C.Cosa si può collegare alla USB-C di iPad Pro 2018?

Se si dispone di prodotti con USB-A, sarà possibile acquistare un adattatore USB-C a USB-A per ricaricarli. Inoltre, Apple ha recentemente rilasciato un cavo USB-C per Apple Watch: sarà così possibile ricaricare lo smartwatch Apple tramite un iPAd Pro 2018, senza dongle intermedi, e in totale mobilità.

Importare foto e video da memorie esterne

L’iPad non supporta memorie generiche esterne. Non è possibile collegare, ad esempio, un un comune flash drive USB-C per esplorare i file dall’applicazione File. Si tratta di una limitazione del sistema operativo, che molti sperano possa essere risolta da Apple in futuro.

Tuttavia, è possibile utilizzare l’applicazione Foto per importare foto e video da una memoria USB: se volete utilizzare il cavo dedicato ultraveloce di Apple da femmina USB-A a maschio USB-C (supporta USB 3.1 generazione 2 con velocità di trasferimento fino a 10 MBs) dovete spendere circa 25 Euro. Questo sistema funzionerà anche con le telecamere che dispongono di porte USB-C o mini-USB e relativo cavo USB-A da una parte.

Oltre a questo  Apple offre un proprio cavo USC-C lettore di schede SD. Collegandolo ad iPad Pro 2018 e inserendo una scheda SD sarà possibile importare foto e video direttamente sul tablet. Supporta anche trasferimenti veloci con schede UHS-II. Ovviamente, trattandosi di uno standard aperto, sarà possibile trovare altri adattatori USB-C lettori SD più economici di terze parti.

Cosa si può collegare alla USB-C di iPad Pro 2018?

Tastiere esterne

L’iPad dispone di propri driver per molti accessori USB, ma iOS non consente di installare driver aggiuntivi. In ogni caso supporta un numero sorprendente di dispositivi esterni, quelli che di base funzionerebbero in. modo plug-and-play con un computer.

Nuova Apple Keyboard Folio per iPad Pro 2018, presa di contatto e prime impressioni

Ad ogni modo, tramite USB-C sarà possibile collegare le classiche tastiere con filo USB-A, sfruttando un semplice adattatore come quello Apple visto sopra. Naturalmente, Apple spinge per l’utilizzo delle tastiere Bluetooth o della sua nuova Smart Keyboard Folio.

Ethernet

Un’altra cosa che l’iPad supporta è la connessione Ethernet. È possibile sfruttarla tramite un dongle USB-C Ethernet: dopo il collegamento la schermata di Impostazioni iOS mostrerà magicamente una nuova sezione dedicata alle opzioni Ethernet.

Cosa si può collegare alla USB-C di iPad Pro 2018?

Altoparlanti, microfoni o dispositivi MIDI

Cosa si può collegare alla USB-C di iPad Pro 2018?L’iPad non dispone di un jack per cuffie. È possibile utilizzare l’adattatore di Apple apposito, da USB-C a jack cuffie dal costo di 10 Euro. Apple lo inserisce comunque all’interno della confezione di iPad Pro 2018. Se si dispone di cuffie USB-C potranno essere direttamente collegate al tablet.

È inoltre possibile collegare dispositivi audio come tastiere MIDI, o microfoni, tramite USB: anche qui basterà un adattatore da USB-A a USB-C. In alcuni casi, i 7,5 watt in uscita di iPad Pro 2018 saranno sufficienti ad alimentare piccoli accessori, e tastiere così che sarà necessario soltanto la disponibilità del cavo USB-C.

Cosa si può collegare alla USB-C di iPad Pro 2018?Se volete una semplice interfaccia microfonica per microfoni di terze parti potete usare un adattatore da USB-A a USB-C e l’interfaccia USB di UGreen a 10 Euro circa che vedere a fianco e che ha un ingresso microfonico e pure una uscita supplementare audio: sarete costretti a far un “trenino” ma la compatibilità con qualsiasi microfono è assicurata.

Hub multi porta

La potenza della USB-C è tale da poter collegare Hub multi porta USB-C, così da poter gestire diverse uscire e collegare insieme le periferiche sopra descritte. Sono tanti quelli disponibili in rete, e con pochi euro se ne ottengono svariati in grado di fornire, ad esempio, 7 ingressi in 1.  Con altri Hub sarà possibile, ad esempio, collegare un display 4K e una macchina fotografica allo stesso tempo. Ricordatevi sempre che per avere il massimo delle prestazioni la risoluzione 4K deve essere indicata nelle caratteristiche del prodotto.

In evoluzione

Macitynet sta provando l’iPad Pro nelle sue diverse configurazioni e nei prossimi giorni vi darà conto sia delle periferiche USB-C in nostro possesso che riusciamo a provare sia degli accessori di collegamento di terze parti di cui verificheremo la compatibilità.

Consultate la pagina dedicata ad iPad Pro 2018 per scoprire tutte le novità.