Home Macity Futuroscopio La Stazione Spaziale Internazionale ha il suo primo frigorifero spaziale

La Stazione Spaziale Internazionale ha il suo primo frigorifero spaziale

Lavorare come astronauta nello spazio è certamente affascinante ma non mancano piccoli e grandi problemi con i quali combattere ogni giorno come ad esempio la necessità di ripensare alle modalità di consumo dei cibi, scegliendo quelli non deperibili, per non parlare degli attrezzi per prepararli e cucinarli, ma anche per pulire e conservare quest’ultimi.

La dieta degli astronauti comprende tipicamente verdure, pollo e riso integrale; molti di questi cibi sono termostabilizzati, in altre parole pastorizzati, oppure sterilizzati o disidratati, al fine di bloccare la carica batterica che altrimenti si formerebbe, impendendo di conservare a lungo gli alimenti.

Il problema della monotania dei pasti reidratati – riferisce engadget – sarà presto superato grazie a un ingegnoso sistema di refrigerazione ideato dall’Università del Colorado a Boulder e denominato Freezer Refrigerator Incubator Device for Galley and Experimentation (o FRIDGE).

La Stazione Spaziale Internazionale ha il suo primo frigorifero

L’unità in questione è stata ideata dal dipartimento BioServe Space Technologies presso l’Universitè del Colorado, ed è in pratica un frigorifero grande all’incirca quanto un tradizionale forno a microonde. “Non ci sono parti rotanti e ventole, rendendo pertanto il tutto molto affidabile”, riferisce  Robby Aaron, studente di un master aerospaziale che lavora sul progetto. Un tradizionale frigorifero sulla Terra è caldo sulla parte posteriore per via del calore generato dal condensatore e dal compressore, elementi che non è possibile sfruttare nello spazio. “L’aria calda non sale con la microgravità: rimane ferma, può provocare il surriscaldamento di alcuni elementi e dunque bisogna eliminare gli elementi di riscaldamento”. “La Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dispone di un sistema di raffreddamento ad acqua che può essere sfruttato per scaricare direttamente il calore residuo e mantenere il sistema freddo”.

La NASA sta usando già otto di queste unità. Due sistemi presenti nella navicella spaziale Cygnus che sabato 3 ottobre ha appena raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale, sono stati riservati per i prodotti alimentari: pasti deperibili partiti dalla Terra, ma anche per conservare prodotti freschi prodotti nel giardino idroponico della ISS e per la corretta conservazione di alcuni medicinali. Gli altri sei sistemi sono sfruttati nella Stazione per eseguire prove con materiali sensibili alle temperature.

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,818FollowerSegui