fbpx
Home Hi-Tech Finanza e Mercato Intel sotto pressione per Apple Silicon e non solo

Intel sotto pressione per Apple Silicon e non solo

Third Point sta esortando Intel ad apportare alcuni grandi cambiamenti aziendali a fronte della perdita della supremazia sui chip a causa degli sforzi di Apple con Apple Silicon, Amazon, Microsoft e TSMC.

Il CEO e fondatore di Third Point, Daniel Loeb, ha scritto nelle scorse ore una lettera al presidente di Intel, Omar Ishrak, chiedendo alla società di rafforzare la sua posizione come fornitore di chip per computer e data center. Third Point ha una quota di quasi 1 miliardo di dollari nel produttore di chip e nella sua lettera, Loeb ha definito urgente il «Problema di gestione del capitale umano». Ha citato il fatto che molti progettisti di chip Intel hanno lasciato l’azienda dopo essere stati “demoralizzati dallo status quo”.

Senza un cambiamento immediato in Intel, temiamo che l’accesso dell’America alla fornitura di semiconduttori all’avanguardia verrà eroso, costringendo gli Stati Uniti a fare più affidamento sull’Asia orientale geopoliticamente instabile per alimentare qualsiasi cosa, dai PC ai data center alle infrastrutture critiche e altro ancora

Secondo Loeb, Intel ha perso la sua posizione di punta nella produzione di chip a favore di Samsung e del produttore di chip di Apple, Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC). Ha aggiunto che Intel sta anche perdendo quote di mercato a favore di AMD e sta perdendo il mercato dell’intelligenza artificiale dominato da NVIDIA.

Il CEO dell’hedge fund ha anche notato che diversi clienti Intel stanno attualmente sviluppando chip proprietari, inviando tali progetti a produttori a contratto, aggirando dunque Intel. Apple ha recentemente lanciato i suoi primi dispositivi Mac M1 con chip proprietari Apple Silicon. Anche Microsoft e Amazonsi stanno muovendo in questa direzione.Intel cambia logo e firma audio: inizia la nuova era del brand

Intel ha promesso di continuare a supportare Apple anche quando Cupertino ha annunciato i suoi piani per passare aad Apple Silicon. All’epoca dell’annuncio della Mela, Intel insisteva anche sul fatto che i propri chip garantissero un’esperienza migliore per i consumatori. Come possibili soluzioni, Loeb ha affermato che Intel dovrebbe assumere un consulente per «Valutare le alternative strategiche», come segnala Reuters. Loeb ha aggiunto che Intel potrebbe offrire nuove soluzioni per fidelizzare clienti come Apple, Microsoft e Amazon.

Intel ha riportato gli ultimi risultati trimestrali a ottobre: secondo CNBC, i risultati fiscali del terzo trimestre dell’azienda sono stati migliori del previsto, anche se hanno mostrato una certa debolezza nel settore dei data center. Con l’abbandono di Intel sono già emersi i vantaggi per Apple, sia in termini di segreti e innovazioni, che in risparmi stimati sul costo delle componenti.

Nel keynote del 10 novembre Cupertino ha presentato i suoi primi computer con processore Apple Silicon M1. Per tutti gli articoli di macitynet che parlano dei Mac ARM con processore Apple Silicon M1 si parte da questa pagina. Macitynet ha recensito Mac mini con processore Apple M1 in questo articolo.

Offerte Speciali

MacBook Pro M1 pronta spedizione su Amazon

MacBook Pro M1 scontato a 1599 euro per la versione 512GB (uno solo disponibile)

Su Amazon per la prima volta va in sconto il MacBook Pro M1. Risparmiate 110 euro sul listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,984FansMi piace
93,611FollowerSegui