Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » La Giustizia USA valuta una possibile causa antitrust contro Apple

La Giustizia USA valuta una possibile causa antitrust contro Apple

A pochi giorni di distanza dall’annuncio dell’avvio di due indagini sul colosso di Cupertino da parte della Commissione europea, anche negli Stati Uniti il Dipartimento di Giustizia USA e una colazione di procuratori di stato valutano il possibile avvio di una procedura antitrust contro Apple. Ancora una volta nel mirino ci sono le policy di App Store che la multinazionale detta agli sviluppatori terze parti.

Sia il Dipartimento di Giustizia che i procuratori di diversi stati stanno intervistando sviluppatori e società che sostengono che Cupertino adotti pratiche anticompetitive su App Store. I reclami includono sia la percentuale del 30% trattenuta da Apple per ogni vendita effettuata sullo store digitale, ritenuta eccessiva soprattutto per i servizi in abbonamento. Altri sviluppatori, tra cui anche Spotify e Kaspersky, indicano anche comportamenti anti concorrenziali di Cupertino per le limitazioni imposte sulle app terze parti, vincoli che non vengono invece applicati a software e servizi Apple direttamente concorrenti.
giustizia usa apple«Una cosa è strutturare i tuoi servizi in modo restrittivo o utilizzare contratti esclusivi quando sei piccolo» dichiara Gene Kimmelman a Politico, che ha lavorato nella divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia USA durante l’amministrazione Obama. «Ma più si diventa grandi, più si diventa dominanti in un mercato, più è probabile che tali tipi di restrizioni – a meno che non siano assolutamente indispensabili al beneficio dei consumatori – saranno visti con scetticismo come dannosi per la concorrenza».

Ricordiamo che subito dopo l’avvio delle due indagini antitrust della Commissione europea, in una intervista Phil Schiller, responsabile marketing globale di Cupertino, ha escluso la modifica delle regole e linee guida di App Store in occasione della WWDC 2020, come in effetti è poi avvenuto. Secondo Microsoft gli organismi antitrust devono esaminare App Store.

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Apple, Finanza e Mercato sono disponibili ai rispettivi collegamenti. Per tutte le altre notizie di approfondimento sull’edizione 2020 della WorldWide Developer Conference potete dare uno sguardo all’interno di questa sezione del nostro sito web. L’articolo riepilogativo delle novità principali della WWDC 2020 è invece qui.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto boom, risparmio da 630€ per MacBook Air 512GB M2 15,4 rispetto ad M3

Su Amazon il MacBook Air da 15,4" nella versione da 512 GB con processore M2 va in sconto. Lo pagate 630 euro meno del nuovo modello, solo 1249€

Ultimi articoli

Pubblicità