fbpx
Home Macity Internet Le scuole USA comprano strumenti di livello FBI per hackerare gli iPhone

Le scuole USA comprano strumenti di livello FBI per hackerare gli iPhone

Dopo l’FBI e le agenzie di sicurezza governative in diversi paesi nel mondo, ora sembra che anche alcune scuole USA si stiano attrezzando con strumenti degni dello spionaggio per accedere ai contenuti memorizzati negli iPhone degli studenti.

Da anni privacy e sicurezza sono ai vertici delle priorità Apple, ma ci sarà sempre qualcuno che cercherà una backdoor nei suoi dispositivi “per il bene superiore”. Agenzie governative e istituzioni come l’FBI investono fior di quattrini per riuscire in questo intento, anche perché Apple non sembra aver ceduto alle ripetute pressioni che richiedono l’accesso ai propri sistemi di crittografia e per creare backdoor su misura per questi scopi.

Aziende come Cellebrite hanno riscosso successo aggirando le protezioni di Cupertino, incluso lo sfruttamento delle vulnerabilità, proponendo in vendita dispositivi che riescono ad aggirare i sistemi di sicurezza di iPhone. Il punto però è che la situazione pare stia sfuggendo di mano. Tra i clienti ora non ci sono più soltanto governi e forze dell’ordine, ma anche le scuole. Secondo quanto emerge da un’eccellente indagine condotta dai giornalisti Tom McKay e Dhruv Mehrotra, alcuni distretti scolastici degli Stati Uniti hanno acquistato strumentazione di alto livello progettata per scaricare testi e foto dagli iPhone, anche se questi contenuti sono stati cancellati.

scuole usa iphoneIl fatto che un’attrezzatura di questo tipo, sviluppata in origine per essere usata dai servizi militari e di intelligence – che vanno dai camion blindati usati nelle zone di guerra agli strumenti di sorveglianza invasiva – ora sia disponibile anche per i dirigenti scolastici, fa quantomeno riflettere.

Tanto più che questi dispositivi sono anche piuttosto costosi. Secondo quanto riportano i due giornalisti, ci sono scuole che hanno speso fino a 12.000 dollari (quasi 10.000 euro col cambio attuale) per acquistare queste tecnologie. «Questi dispositivi erano inizialmente usati soltanto dalle forze dell’ordine militari e federali degli Stati Uniti» commenta Cooper Quintin, della Electronic Frontier Foundation.

«Poi nel tempo hanno lentamente trovato mercato tra le forze dell’ordine statali e locali. Adesso, sono ormai nelle mani anche dei criminali o dei piccoli tiranni, come i dirigenti scolastici». Il punto della questione sta però proprio qui. Mentre le forze dell’ordine devono disporre di un mandato per poter accedere ai dati dei dispositivi, per i distretti scolastici sembra non esserci questa restrizione.
Cellebrite, lo strumento che sblocca gli iPhone in vendita su eBayLa Corte Suprema ha infatti stabilito che i funzionari delle scuole USA hanno semplicemente bisogno di ritenere che lo studente sia colpevole di qualcosa e che perquisendogli il telefono, nel caso iPhone, probabilmente ne otterranno le prove. L’articolo pubblicato dai due giornalisti di Gizmodo va anche più a fondo elencando le varie questioni legate a una pratica di questo tipo e su come gli studenti pare non abbiano necessariamente il diritto di potersi opporre a una perquisizione di questo tipo.

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Privacy e Sicurezza sono disponibili ai rispettivi collegamenti. Invece a partire da questa pagina sono disponibili le notizie che parlano di Cellebrite.

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 256 GB scontato su Amazon: 949 €

iPad Pro 11″ 1 TB GB , minimo storico: 1018 euro

Su Amazon iPad Pro torna al prezzo minimo nella sua versione da 1TB GB cellular con schermo da 11 pollici. Lo pagate solo 1018 euro, quasi il 25% in meno del prezzo di listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,883FansMi piace
93,611FollowerSegui