Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Finanza e Mercato » Panasonic e Circular Computing annunciano Toughbook rigenerati

Panasonic e Circular Computing annunciano Toughbook rigenerati

Una partnership mirata a trasformare la sostenibilità dei dispositivi rugged, cioè quelli in grado di funzionare e resistere in condizioni estreme: Panasonic Toughbook, primo produttore europeo di dispositivi mobili rugged, annuncia la propria collaborazione con Circular Computing, creatori dei primi laptop rigenerati al mondo, e lancia una modalità più etica, sostenibile e socialmente responsabile per prolungare l’utilizzo dei device.

Il processo di rigenerazione dei dispositivi Toughbook da parte di Circular Computing inizierà dal tablet Panasonic Toughbook G1, con prime disponibilità previste da metà 2022. I dispositivi Toughbook legacy potranno così avere una seconda vita, incrementando notevolmente la sostenibilità e riducendo le emissioni di carbonio – si stima infatti che il primo G1 rigenerato permetterà un risparmio di 316kg di emissioni.

Panasonic toughbook Circular Computing 3

Circular Computing sottoporrà ogni dispositivo a un processo di rigenerazione di oltre 5 ore, e a un controllo qualitativo a 360 gradi, per assicurare massima qualità, su ogni dispositivo. I device saranno rigenerati secondo gli standard BS8887 da tecnici qualificati, nello stabilimento all’avanguardia che Circular Computing ha appositamente realizzato.

Con il primo processo di rigenerazione certificato per laptop al mondo, BSI KITEMARK, Circular Computing assicurerà risultati di qualità costante anche su grandi quantitativi di uno stesso modello, e, grazie anche a un controllo estetico completo, ogni Toughbook verrà rifinito secondo standard di qualità elevati. I laptop consumer rigenerati da Circular Computing godono già di grande popolarità tra le aziende più attente alle questioni ambientali, nel settore dell’istruzione e tra le piccole e medie imprese con budget ridotti.

Panasonic toughbook Circular Computing 1

«Siamo orgogliosi di essere il primo produttore di dispositivi rugged a cogliere questa opportunità di sostenibilità insieme a Circular Computing. Il nostro obiettivo è far sì che, in futuro, clienti e operatori del canale di vendita non debbano mai più gettare via nessun Toughbook» dichiara Kevin Jones, Director of Operations di Panasonic Mobile Business Solutions Europe.

«Da anni il canale IT propone dispositivi usati, definendoli ‘ricondizionati’ o ‘grado A’, ma gli utenti hanno bisogno della sicurezza che un prodotto ricondizionato semplicemente non può offrire. Circular Computing è nata per garantire standard di qualità e condizioni sempre costanti, così come avviene per il nuovo. In questo modo, siamo in grado di offrire ai clienti i laptop più sostenibili al mondo, e rispondere a tutte le loro necessità in fatto di tecnologia – senza che debbano assumersi alcun rischio in fatto di aspetto del prodotto, performance tecniche o di garanzia» commenta Rod Neale, fondatore di Circular Computing.

Panasonic toughbook Circular Computing 4

«Questo accordo con Panasonic è una grandissima notizia per il settore, per i consumatori e per noi come azienda. Rigenerare un dispositivo rugged è un’operazione molto più complessa rispetto a un laptop normale, ma entrambe le nostre aziende si sono impegnate per risolvere qualsiasi ostacolo e contribuire a rendere il mondo migliore, anche attraverso un uso sostenibile della tecnologia».

Una volta disponibile il primo modello Toughbook rigenerato, altri modelli della gamma seguiranno. Tutti i dettagli sull’ultimo modello Panasonic Toughbook G2 sono disponibili in questo articolo di macitynet.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Confronto iPhone 15 contro iPhone 14, quale scegliere

iPhone 15 256 GB mai così scontato, solo 929 €

Si allarga lo sconto su iPhone 15. Sono in promozione i modelli 128 Gb che restano al minimo storico a 799 € ma i modelli da 256 GB scendono sempre più giù e oggi costano 929 €.

Ultimi articoli

Pubblicità