Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPhone » Progetto Azalea, TSMC e Apple insieme per uno stabilimento di chip per dispositivi mobili?

Progetto Azalea, TSMC e Apple insieme per uno stabilimento di chip per dispositivi mobili?

Azalea. Potrebbe nascondersi dietro il nome di questa pianta da fiore il più ambizioso progetto Apple per i prossimi anni, un progetto destinato a svincolare Cupertino da Samsung e darle una sostanziale indipendenza nel settore dei semiconduttori con lo sfruttamento di una fabbrica costruita per sfornare i microprocessori per i dispositivi da tasca.

Del progetto Azalea parla nell’edizione di ieri The Oregonian, l’edizione on line di un quotidiano dello stato americano. Qui, nello stato dove Apple ha già cominciato a costruire un importante data center e dove sussistono norme che garantiscono sgravi fiscali per imprese che creano lavoro in determinati settori ad alta tecnologia, sarebbero in corso manovre per favorire l’insediamento di una azienda misteriosa che avrebbe in animo di costruire un impianto per semiconduttori. Il nome dell’azienda, che sta però giocando anche su un altro tavolo, quello dello stato di New York, viene rivelato da EETime; secondo la testata specializzata e molto affidabile quando si tratta di componentistica la misteriosa realtà sarebbe nient’altro con TSMC il cui obbiettivo è la realizzazione di uno stabilimento che costruirà processori a basso consumo per dispositivi da tasca.

Al momento la connessione tra Apple e il presunto stabilimento di TSMC è ancora labile, ma gli elementi che conducono ad un patto che potrebbe essere il vero motore che sta spingendo l’azienda taiwanese, solitamente molto conservatrice quando si tratta di impegnarsi fuori dal suo paese natale, verso la costa atlantica o pacifica, si notano in trasparenza.

Apple attualmente sfrutta per ottenere i processori della serie A, gli stabilimenti di Samsung in Texas, ma è noto il disagio di continuare a dipendere per una componente così essenziale dalla rivale che per giunta è anche una nemica in tribunale. In più è arcinoto che è TSMC l’azienda destinata a prendere il posto di Samsung. Ma al momento Taiwan Semiconductor Manifacturing Company, sembra non avere tutta la capacità produttiva che servirebbe ad Apple. La costruzione di un nuovo impianto negli USA sarebbe anche interessante per ragioni di immagine perché darebbe a Cupertino la possibilità di presentare i suoi prodotti come legati al territorio americano.

In passato Apple ha investito massicciamente in impianti di società terze per avere diritto di prelazione su componenti ad alta tecnologia (ad esempio alcune linee di produzione di Toshiba e Sharp dovrebbero fornire a breve schermi ad Apple in esclusiva e con quantità garantite) e anche sullo stabilimento di TSMC ci potrebbe esserci l’impronta dei dollari di Cupertino. Ricordiamo che Apple tra l’altro starebbe valutando la possibilità di creare una linea di processori per dispositivi di altro genere, forse addirittura CPU per computer ai quali starebbe lavorando in qualità di coordinatore Bob Mansfield. TSMC con il nuovo impianto potrebbe lavorare anche su questo fronte.

 

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Airtag già in vendita su Amazon

Airtag resta al minimo da mesi, 24,75€ euro l’uno

Su Amazon l'Airtag singolo va al minimo storico. Solo 24,45 € l'uno se comprate la confezione da 4.

Ultimi articoli

Pubblicità