Recensione Logitech PowerShell: in prova la cover che trasforma iPhone in console portatile

Nella recensione Logitech PowerShell mettiamo alla prova la prima cover con controlli dedicati per i videogiochi in grado di trasformare iPhone 5, 5s, 5c e iPod touch 5g in console da gioco portatili. Costa 99 euro ed è già disponibile nei negozi Juice e per l'acquisto online

logitech powershell icon 800 2

In questo articolo trovate la recensione di Logitech PowerShell: chi vuole giocare seriamente con iPhone ha solo una cosa da fare: comprare questo nuovo accessorio Logitech proposto a 99 euro già disponibile nei negozi e nel sito Juice. Questo quel che possiamo dire dopo una prima, rapida, ma sufficientemente esaustiva, presa di contatto con questo innovativo e molto atteso accessorio che trasforma lo smartphone di Apple in una vera e propria console, una sorta di Gameboy Advance, con tanto di tasti dedicati A, B, X e Y.

Powershell com’è fatta
La Powershell è di fatto una custodia rigida, più lunga di una normale custodia, dentro alla quale incastreremo iPhone che a sua volta andrà a connettersi ad essa per via di Lightning. Questo aspetto è fondamentale perché non si tratta di uno dei tanti accessori Bluetooth che abbiamo visto in commercio, ma di un sistema hardware che dialoga direttamente con la piattaforma iPhone. In aggiunta a questo, la custodia contiene anche una batteria da 1.500 mAh, una componente molto interessante per chi vuole sfruttare intensivamente iPhone per giocare senza correre il rischio di restare in pochissimo tempo senza batteria (e senza la possibilità di telefonare).

1500 mAh di capacità è un po’ meno di quanto offrono le principali custodie con batteria, ma va anche detto che la Powershell è molto leggera, solo 120 grammi, così aumentare la capacità dell’accumulatore avrebbe accresciuto il peso. I materiali sono buoni e il retro è modellato ergonomicamente con superficie antiscivolo: soli i tasti in materiale lucido sembrano un po’ economici. La precisione con cui viene accolto iPhone è pressoché perfetta: incastrare e poi togliere il telefono è operazione rapidissima che non richiede di manovrare ganci o cursori meccanici. Un anello collocato su un lato consente di agganciare un laccetto per il trasporto, cosa utile visto che, nonostante lo sforzo di ingegnerizzazione la custodia è si piccola a sufficienza da essere messa nel tascone di un cappotto, ma non nelle tasche di un paio di pantaloni.