Tim Cook: «Vogliamo costruire il Mac Pro in USA»

Durante la presentazione dei risultati dell'ultimo trimestre fiscale, il CEO di Apple ha detto di volere continuare a produrre il Mac Pro negli Stati Uniti.

Mac Pro 2019, metti una grattugia formaggio da 6.000 dollari sulla tua scrivania

Nel corso della presentazione dei risultati dell’ultimo trimestre fiscale, il CEO di Apple, Tim Cook, ha detto di volere continuare a produrre il Mac Pro negli Stati Uniti.

L’amministratore delegato della Mela ha dichiarato quanto sopra come risposta alla domanda se Apple avrebbe spostato la produzione dei Mac Pro negli Stati Uniti per via degli incombenti dazi doganali sui componenti importati dalla Cina.

“Vi sono state diverse speculazioni intorno al tema”, ha spiegato Cook; “io non darei a tutto ciò troppo peso. La mia opnione è che la maggior parte dei nostri prodotti sono realizzati dappertutto”. Cook ha spiegato ancora che prodotti e componenti vari sono realizzati negli Stati Uniti, in Giappone, Corea, Cina, Europa e altri luoghi. “È la natura di una catena di approvvigionamento mondiale”, ha detto ancora Cook, spiegando che così continuerà a essere anche in futuro.

Per quanto riguarda specificatamente il nuovo Mac Pro, il CEO di Apple ha spiegato che Apple continuerà a investire nelle sue strutture di produzione statunitensi. “Abbiamo prodotto il Mac Pro negli Stati Uniti e vogliamo continuare a farlo. Stiamo lavorando e attualmente investendo nella capacità produttiva. Vogliamo continuare a essere qui presenti”.

Alcuni aspetti del nuovo Mac Pro e del Pro Display XDR di Apple interessanti anche per l’accessibilità

Gli attuali Mac Pro cilindrici sono assemblati nel Texas dal subappaltatore Flextronics. Il computer cilindrico è completamente assemblato ad Austin, dove vengono anche lavorati alcuni suoi componenti ad alta precisione in collaborazione con alcune aziende leader del settore di altri Stati (Florida, Illinois e Kentucky). Si tratta ad ogni modo di una produzione in volumi molti limitati, niente a che vedere con i numeri di dispositivi quali iPhone e iPad. Per la produzione dei nuovi Mac Pro che vedremo in autunno è stato in precedenza riferito che era stato scelto Quanta, produttore a contratto che dovrebbe realizzarli in uno stabilimento vicino a Shanghai.

In una precedente dichiarazione, Apple aveva spiegato che “l’assemblaggio finale è solo una parte del processo di fabbricazione”, spiegando che il Mac Pro era concepito e progettato in California e sfruttava componenti prodotti negli USA.

Pochi giorni addietro il Presidente USA Donald Trump, aveva fatto sapere che non avrebbe offerto ad Apple nessuna esenzione dai dazi per i componenti del Mac Pro prodotti in Cina, invitando la Mela a continuare a produrre il Mac Pro in loco.