HomeMacityDTP e Web DesignAdobe Max 2021, Photoshop e Illustrator si usano via web e browser

Adobe Max 2021, Photoshop e Illustrator si usano via web e browser

In occasione dell’evento Adobe Max 2021, la software house di San Jose annuncia corposi aggiornamenti per Creative Cloud, con numerose novità per tutti i programmi che compongono la suite: la prima novità di rilievo è l’arrivo di Photoshop e Illustrator per il web. Partendo da un semplice URL (un indirizzo web) è possibile permettere a chiunque di visualizzare e commentare il nostro lavoro con Photoshop e Illustrator, senza bisogno che il commentatore debba scaricare programmi o debba essere in possesso di un abbonamento alla Creative Cloud.

Gli abbonati alla Creative Cloud possono effettuare modifiche semplici sui file Photoshop o Illustrator, lavorando direttamente via web tramite browser. Adobe parla di questa possibilità come il primo passo verso un futuro nel quale i software in questione potranno essere eseguiti direttamente da browser. Per ora Photohop per il web è un software disponibile come public beta; Illustrator per il web, sarà ancora per qualche tempo distribuito come beta privata (destinato a un numero ristretto di utenti).

Team di creativi che collaborano a distanza, anche da più parti del mondo, sono ormai una realtà ed è interessante offrire la possibilità di lavorare su asset comuni. Allo scopo Adobe ha presentato Creative Cloud Spaces e Canvas.

Photoshop on the web Editing

Gli spazi sono in altre parole dei repositories condivisi, dove i vari membri di una squadra di lavoro possono accedere e gestire file, librerie e link, centralizzando l’accesso. Il Canvas (tavola da disegno) è un nuovo modo per mostrare a schermo tutti i lavori creativi nell’ambito di un progetto, rivedere elementi con i propri collaboratori e lavorare insieme su alcune idee, tutto in tempo reale dal browser.

Le funzionalità denominate Creative Cloud Spaces e Canvas sono per il momento indicate come destinate agli utenti che hanno accesso alle beta private, ma la software house di San Jose riferisce che entro il prossimo anno saranno disponibili per un più ampio numero di utenti.

CreativeCloudcanvas
Esempio Creative Cloud Canvas

L’acquisizione di cloud Frame.io si concretizza offrendo agli utenti una piattaforma “sicura ed elegante” per raccogliere feedback da tutte le persone coinvolte nell’ambito della produzione video, dal regista, alla segreteria di edizione e tutti gli specialisti coinvolti nell’approvazione di un progetto. Adobe riferisce che la combinazione tra la piattaforma Frame.io e Creative Cloud apre nuove vie all’innovazione nell’ambito video, evidenziando nuove possibilità offerte da suoi prodotti e altri di terze parti.

La funzione maschera di livello di Photoshop che permette di nascondere parti di un livello per apportare modifiche reversibili con una maggiore flessibilità rispetto alla cancellazione o all’eliminazione permanente di una parte di un livello, diventa ancora più completa con funzioni per posizionare oggetti e l’Hover Auto-Masking che sfrutta l’intelligenza artificiale per mascherare automaticamente l’oggetto o il soggetto indicato dall’utente.

Sono stati migliorati i Neural Filters e le rispettive funzionalità di apprendimento automatico, semplificando modifiche complesse quali cambiamenti alle espressioni facciali o la colorazione di immagini in bianco e nero, “magie” che l’utente può sfruttare con pochi clic. Del tutto nuova è Landscape Mixer, funzionalità con la quale è possibile modificare l’immagine di un paesaggio da estate a inverno, o trasformare un prato in un deserto.

In Photoshop versione desktop è stata migliorata anche l’interoperabilità con Illustrator: è più facile spostarsi da Illustrator e Photoshop, importare il contenuto vettoriale con colori, tratti e proprietà, oltre alla struttura del livello e le maschere vettoriali (per attvare la nuova funzione bisogna scegliere dalle Preferenze l’opzione “PsAiInteropEnhancements” e riavviare Photoshop).

trasformarepaesaggio

In Illustrator per iPad, è stata integrata l’anteprima di nuova tecnologia denominata Vectorize, evoluzione dello strumento per la conversione in tracciati e che, come il nome lascia immaginare, permette di convertire l’immagine in vettoriale e quindi trasformarla in un tracciato vero e proprio. Adobe promette precisione e funzionalità di controllo avanzate; nella versione deskop del programma, sono stati migliorati gli effetti 3D e aggiunta una corposa libreria di materiali Substance 3D (texture e materiali).

substance3d
Nuovi materiali Substance 3D sono disponibili in app quali Illustrator e Photoshop.

Sul versante video, Adobe introduce il Multi-frame Rendering, promettendo migliorie fino a 4x in After Effects. La software house promette al riduzione della tempistica per la funzione Speech-to-Text (discorso in testo) per generare automaticamente una trascrizione e aggiungere sottotitoli ai video. Di particolare interesse anche il Body Tracker per Character Animator, il software che combina la cattura del movimento dal vivo con un sistema di registrazione multitraccia per controllare “puppet” (pupazzi) 2D a strati disegnati in Photoshop o Illustrator.

Per quanto concerne Lightroom, Adobe riferisce di avere completamente rivisto lo strumento Selective Adjustment (modifica selettiva) con un tool più preciso quando si selezionano porzioni di un’immagine. Una funzione denominata “Community Remix” permette, invece, di condividere le immagini, imparare e trarre ispirazione vedendo all’opera altri artisti.

esempiolightroom

Substance 3D, software di progettazione 3D, offre strumenti che permettono di trasformare una immagine di un contesto reale in una superficie fotorealistica o in un ambiente HDR. Adobe riferisce che la Substance 3D Collection, include centinaia di materiali 3D e texture utilizzabili per le proprie creazioni.

Oltre a tutto quando descritto fino a qui, Adobe ha integrato decine di nuove funzionalità in strumenti quali Fresco, app di disegno e pittura digitale, e in Adobe XD una soluzione veloce che consente di progettare interfacce utente (UI) ed esperienze utente (UX) per siti web, app, ecc.

Behance, la rete di siti e servizi specializzati nell’autopromozione, tra cui consulenza e siti di portfolio online, peremtte agli utenti di Creative Cloud la possibilità di offrire ai propri fan accesso esclusivo a livestreaming, sorgenti di file e altro ancora. È anche possibile mostrare il pulsante “Hire Me” (assumimi/ingaggiami) nel proprio profilo permettendo a chiunque di apprezzare il nostro lavoro ed entrare in contatto con noi per  proposte di lavoro.

Tutti gli articoli di macitynet che parlano di Adobe sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

macbookpro14e16

Sconti su MacBook Pro 16″ e MacBook 14″, risparmiate fino a 530 euro

Continuano gli sconti importanti di Amazon sui Mac. Ecco tutti i migliori affari di oggi con risparmi fino a oltre 500 euro
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial