Home ViaggiareSmart Il progetto Apple Car perde diversi top manager

Il progetto Apple Car perde diversi top manager

Ancora guai per “Project Titan”, il progetto interno nei laboratori di Cupertino che dovrebbe portare al lancio della chiacchieratissima Apple Car, l’automobile con le tecnologie a guida autonoma di Apple: secondo quanto riporta Bloomberg, “diversi” top manager hanno lasciato il lavoro: è il caso ad esempio di Dave Scott, che fino a poco fa guidava i team che lavoravano sulla parte robotica dell’automobile mentre adesso ricopre il ruolo di amministratore delegato di Hyperfine, una società di assistanza sanitaria che sviluppa sistemi di risonanza magnetica di nuova generazione.

Anche Jaime Waydo, che si occupava di dirigere i team di Apple per la sicurezza e la regolamentazione delle auto autonome, ha lasciato il progetto per diventare CTO direttore tecnico per Cavnue, una startup che si occupa più o meno della stessa cosa, visto che il suo lavoro è focalizzato sulla sicurezza delle automobili a guida autonoma nelle strade pubbliche.

Guardando un po’ più indietro, a febbraio Benjamin Lyon, che ha contribuito alla creazione del team originale Project Titan e si dice sia stato parte “fondamentale” per il processo di sviluppo del progetto di Apple nel lungo periodo, ha lasciato il posto per diventare ingegnere capo di Astra, una società che sviluppa le tecnologie correlate all’invio dei satelliti nello spazio.

apple car

Negli ultimi mesi sono trapelati diversi rapporti che descrivono un po’ più in dettaglio le potenziali specifiche della fantomatica Apple Car: da qui si è appreso che il veicolo si trova ancora nella fase di sviluppo iniziale e si suppone che manchino almeno cinque anni perché possa vedere effettivamente la luce: lo stesso analista Ming-Chi Kuo, che in passato ha dato prova di prevedere con buona precisione le novità in arrivo da Apple, sostiene che non arriverà prima del 2025.

L’abbandono di questi top manager per Apple Car è un chiaro segno di attrito all’interno della divisione di Cupertino che si occupa di sviluppare quello che potrebbe diventare un importante prodotto, ma non è detto che possa effettivamente incidere sulla tabella di marcia: oltre alle importanti partenze, in Apple ci sono stati anche importanti arrivi, come ad esempio quello di febbraio dell’ex dirigente di Porsche, che ha una pregressa esperienza nella progettazione dei telai.

Per tutti gli articoli di macitynet che trattano di automobili, veicoli elettrici e mobilità smart rimandiamo alla sezione ViaggiareSmart del nostro sito.

Offerte Speciali

iPhone 12 al minimo Amazon: 849 € per il 128 GB, 779 € per il 64GB

iPhone 12 128G (quasi) al prezzo del Prime Day: 799€

In occasione del Prime Day Amazon aveva scontato come non ha mai fatto prima tutti gli iPhone 12. Ora li trovate ancora molto vicini a quel prezzo
Pubblicità
Pubblicità