Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » ViaggiareSmart » General Motors vorrebbe ChatGPT nelle auto

General Motors vorrebbe ChatGPT nelle auto

Pubblicità

General Motors (GM) sta valutando la possibilità di usare ChatGPT nelle auto. L’idea – ha riferito un dirigente a Reuters – è nata nell’ambito di una collaborazione con Microsoft.

“ChatGPT sarà presente dappertutto”, secondo Scott Miller, vice presidente di GM. Il chatbot basato su intelligenza artificiale e machine learning sviluppato da OpenAI e specializzato nella conversazione con un utente umano, potrebbe essere utile per far capire al conducente come usare funzionalità del veicolo, informazioni che normalmente si trovano sui manuali, programmare il codice per l’apriporta del garage o concordare controlli in vista della scadenza della garanzia. “Questi cambiamenti”, spiega Miller, non sono solo una evoluzione dei comandi vocali ma significa che l’utente può aspettarsi dai futuri veicoli capacità molto maggiori, e nel complesso del tutto nuove per quanto concerne tecnologie emergenti”.

GM sta probabilmente lavorando su un “layer” specifico per le auto, un modello di conversazione linguistica messo a punto con tecniche di apprendimento automatico, che dovrebbe permettere all’automobilista di fare domande e ricevere risposte dettagliate e articolate, su varie questioni riguardanti i veicoli.

General Motors vorrebbe ChatGPT nelle auto

All’inizio di quest’anno Microsoft ha annunciato un investimento multi-miliardario in OpenAI (l’organizzazione che promuove e sviluppa l’IA di ChatGPT) spiegando di voler integrare la tecnologia dei chatbot nel portafoglio di applicazioni e soluzioni dell’azienda.

L’idea di Microsoft è di offrire le funzionalità di IA in varie app e servizi, permettendo agli utenti di cercare, chattare, rispondere a domande di vario tipo, generando contenuti al volo.

La possibilità di integrare ChatGPT nelle vetture potrebbe essere utile in vari frangenti, esempio per spiegare cosa fare in caso di foratura di una gomma, fornire dettagli su spie e indicatori diagnostici nel quadro strumenti, cercare e prenotare un meccanico in zona, ecc.

Microsoft potrebbe entrare a gamba tesa nelle auto con un suo assistente vocale alimentato da IA, offrendo funzioni molto più avanzate di quelle attulmente possibili in auto con assistenti quali Siri e affini, e tecnilogie quali CarPlay e Android Auto.

Per tutti gli articoli di macitynet che parlano di Intelligenza Artificiale fate riferimento a questo indirizzo.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

GLi AirPods Pro di 2ª generazione con ricarica USB-C

Per gli Airpods Pro è il minimo storico, solo 219€

Amazon abbassa il prezzo degli Airpods Pro 2 con USB-C, li pagate 219 €, il 21% meno del prezzo Apple e il minimo storico
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità