Mac Pro modulare, Apple si prepara creando le API per scrivere driver

Apple sta preparando una nuova API per sviluppatori per la scrittura dei driver delle componenti e delle periferiche macOS. Una mossa in linea con l'arrivo di un nuovo Mac Pro modulare e che forse aprirà uno spiraglio per i processori grafici Nvidia su Mac

Apple sta preparando una nuova API sviluppatore per la scrittura dei driver

Apple sta preparando una nuova API per sviluppatori per la scrittura dei driver di schede e periferiche MacOS. La notizia arriva proprio a ridosso delle voci di un possibile Mac Pro modulare, che potrebbe essere svelato in anteprima al WWDC 2019 il 3 giugno prossimo.

Secondo le anticipazioni insieme a macOS 10.15 Cupertino metterà a disposizione anche una nuova API per sviluppatori da utilizzare per scrivere i driver di periferica. I driver permettono a macOS di comunicare con i dispositivi hardware collegati al computer e i chip sulla sua scheda logica, come la GPU. Ogni dispositivo, come un mouse o una stampante, ha il suo driver pilota. Apple offre un framework orientato agli oggetti per lo sviluppo di driver di periferica, chiamato I/O Kit, che è sia modulare che estensibile.

Un produttore può utilizzare queste risorse I/O Kit per creare un driver macOS personalizzato per il proprio dispositivo. Le schede grafiche, schede PCI e PCIe, scanner e stampanti in genere richiedono driver macOS personalizzati in modo da lavorare con la macchina.

Apple sta preparando una nuova API sviluppatore per la scrittura dei driver

Quando si tratta di grafica, il supporto di terze parti è particolarmente limitato. In sostanza, Apple scrive il proprio driver solo per GPU specifiche forniti nei Mac. Alcuni anni fa, si è fermato questo meccanismo per le GPU Nvidia, tanto che i Mac più recenti sono limitati alla grafica di Intel o AMD.

Le schede video di Nvidia direttamente compatibili con macOS Mojave (senza bisogno di driver di terze parti) sono: NVIDIA GeForce 8800 GT e NVIDIA Quadro FX 5600 (montate su alcuni Mac Pro inizio 2008), la NVIDIA Quadro FX 4500 e la NVIDIA GeForce 8800 GT (presente sul Mac Pro originale). In tutti i casi quindi processori e schede video molto datate.

Questo ha creato problemi per i professionisti, che spesso preferiscono utilizzare schede grafiche Nvidia delle generazioni più recenti per accelerare l’editing video e altri lavori che richiedono una scheda grafica particolarmente prestante. Già diversi anni fa Apple ha deciso di abbandonare Nvidia e utilizzare esclusivamente le GPU AMD nei Mac, presumibilmente per scelte commerciali, alcuni ipotizzano per motivi legali e di licenza.

Mac Pro modulare si potrà espandere e comporre a piacere ma forse arriva nel 2020Ad ogni modo, si attende a breve un nuovo Mac Pro modulare, che implica la possibilità di cambiare CPU, GPU, memoria, storage e altre componenti. Con questa filosofia in mente, rilasciare un desktop modulare che non accetta schede Nvidia, perché Apple non permette a Nvidia di scrivere i propri driver macOS, non sembra avere molto senso.

Ora finalmente tutti i pezzi del puzzle sembrano combaciare: mettendo a disposizione con macOS 10.15 nuove API per creare driver, Apple semplificherà vita e lavoro dei programmatori e soprattutto dei costruttori che potranno creare direttamente il supporto software per poter usare su Mac un numero più ampio di componenti e periferiche. Una mossa che assume un significato ancora più importante in attesa dell’arrivo del nuovo Mac Pro modulare che Cupertino ha promesso fin dal 2017.