Recensione Annt STY-912, la lampada LED snodabile con pinza che ricarica lo smartphone

Macitynet mette alla prova Annt STY-912, una lampada con struttura snodabile ed una pinza per agganciarsi a tavoli, sedie, poltrone, divani e leggii: intensità e temperatura della luce sono regolabili

Chi ha bisogno di una lampada da scrivania per studiare, una luce per accompagnare una lettura in poltrona o illuminare gli spartiti della chitarra, può affidarsi ad Annt STY-912, un unico dispositivo altamente versatile ed in grado di adattarsi ad ogni situazione. La nostra redazione ha avuto modo di provarla individuando i punti di forza che stanno nella pinza e nel corpo snodabile, due caratteristiche che permettono di adattarla in qualsiasi ambiente della casa. La ciliegina della torta è nella presa USB incorporata, capace di ricaricare anche un tablet.

Recensione Annt STY-912

Com’è fatta

La lampada combina plastica rigida e di ottima qualità per la pinza e la copertura della luce al metallo per il collo snodabile. E’ poi completamente rivestita da un sottile e morbido strato di gomma, come un guanto che la rende piacevole al tatto ed esteticamente lineare.

Se completamente estesa, la sezione tubolare compresa di lampada misura intorno ai 50 centimetri: è altamente snodabile, tanto che si riesce anche ad attorcigliarla creando un giro completo e dimezzandone l’ingombro. La lampada è sufficientemente leggera per resistere a tutte le configurazioni che si desiderano ottenere flettendo la struttura.

Recensione Annt STY-912

La molla della pinza, dal canto suo, è molto dura da aprire ed è accompagnata da delle sezioni circolari in gomma con una spigolatura interna che aumentano di molto la presa della morsa su qualsiasi tavolo o superficie anche piuttosto irregolare, purché non superi i 3 centimetri di spessore, apertura massima che la pinza riesce a raggiungere.

Sulla pinza trovano posto quattro tasti touch, utili per accendere/spegnere la luce, regolarne l’intensità e la temperatura colore, oltre che per attivare il timer di spegnimento automatico.

Sul retro c’è poi l’ingresso per l’alimentazione ed una presa USB alla quale è possibile collegare un cavo per ricaricare smartphone e tablet.

Come va

L’abbiamo inizialmente agganciata alla spalliera del letto per usarla come fonte di luce per le nostre letture a fine giornata. Grazie alla possibilità di “scaldare” la luce si riesce ad ottenere una illuminazione confortevole specialmente se l’intenzione è quella di usarla prima di andare a dormire.

Nonostante l’importante spessore della spalliera, la pinza si è agganciata saldamente al legno, per altro scivoloso, aderendo in maniera eccellente grazie agli inserti in gomma che, come anticipato, troviamo all’interno della pinza. Anche in verticale non scivola e non si è mai spostata per i tre giorni consecutivi per i quali è rimasta agganciata al letto.

Recensione Annt STY-912

L’abbiamo poi spostata sulla scrivania, testando il massimo della potenza e con una temperatura del colore più fredda. La luce anche al massimo dell’intensità è omogenea, senza sfarfallii e può essere anche guardata direttamente senza restare abbagliati.

Per finire l’abbiamo spostata in salotto – ed è rimasta qui per il resto delle nostre prove – agganciandola al bordo di un mobile adiacente al divano, usandola con la temperatura colore media ad un’intensità di luce che regoliamo di volta in volta in base all’illuminazione della stanza ed al momento della giornata. E’ qui che abbiamo sfruttato maggiormente la possibilità di ricaricare contemporaneamente anche un dispositivo: di fatto abbiamo lasciato sempre agganciato un cavo Lightning al quale, occasionalmente, abbiamo collegato il nostro iPhone 6 Plus, misurando una potenza in uscita pari a 1,48 A quando si trovava al 12% di energia residua.

Recensione Annt STY-912

La potenza massima si attesta intorno a questo valore, più che sufficiente per ricaricare qualsiasi smartphone a buona veloctà. Anche un tablet può trarre beneficio attraverso questa porta: la ricarica sarà più lenta di quella che si ricava da un alimentatore. ma efficiente, specialmente se il dispositivo non è in uso o se l’applicazione in esecuzione non è eccessivamente esigente in termini di prestazioni.

Conclusioni

Il punto di forza della lampada risiede nella sua versatilità. La pinza, forte e stabile, combinata al collo snodabile ed alla luce regolabile permettono di usarla in ogni situazione. Poter ricaricare anche un dispositivo fa risparmiare una presa di corrente e tiene tutto in ordine, in più si può rivelare utile per quei musicisti che intendono illuminare i propri spartiti, magari digitali, consci del fatto di non ritrovarsi con il tablet scarico proprio sul più bello.

Interessante, per chi vuole addormentarsi con la luce accesa, la possibilità di attivare il timer di spegnimento mantenendo premuto il tasto ON/OFF per due secondi: l’indicatore luminoso comincerà a lampeggiare e dopo 30 minuti la lampada si spegnerà automaticamente.

Pro

– Pinza forte e stabile
– Collo snodabile
– Luce regolabile (in intensità e temperatura colore)
– Presa USB per ricaricare un dispositivo
– Timer di auto-spegnimento
– Luce anti-ghosting

Contro

– Nessuno

Prezzo al pubblico

La lampada Annt STY-912 è in vendita su Amazon per 36,99 euro spedizione compresa.

Recensione Annt STY-912