Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Hi-Tech » Hardware e Periferiche » Samsung, cresce il team di sviluppo che lavora su visore alternativo a Vision Pro

Samsung, cresce il team di sviluppo che lavora su visore alternativo a Vision Pro

L’estate scorsa la divisione Mobile Experience (MX) di Samsung ha dato vita a una organizzazione interna, un “immersive team” nel quale ora lavorano più di 100 persone, e che ora sta crescendo ancora e che si sta occupando dello sviluppo di un visore di realtà estesa (XR) in collaborazione con nomi quali Google e Qualcomm.

Lo riferisce il sito PatentlyApple ricordando che a febbraio dello scorso anno, Tae-moon Roh – Presidente e Head of Mobile eXperience Business di Samsung Electronics -ha portato il CEO di Qualcomm e il senior vice president di Google sul palco dell’evento Galaxy Unpacked per annunciare la collaborazione su future esperienze di realtà aumentata.

Il mercato dei visori in questione è in fermento; Apple ha venduto 200.000 Vision Pro in poche settimane e Samsung Electronics sembra aver compreso la sfida che ha davanti.

Tae-moon Roh sta potenziando il team che si occupa dello sviluppo dei visori XR e per competere con Apple è stata creata un’alleanza con Qualcomm che offrirà chip dedicati e Google una versione di Android specifica per la Realtà Aumentata.

Secondo Mark Zuckerberg, il Quest 3 di Meta è migliore di Apple Vision Pro
Apple Vision Pro. Immagine di Apple.

Samsung è consapevole che non può fare da sola, ed è fondamentale la collaborazione di grandi partner pronti a finanziare il progetto, tenendo tra le altre cose conto degli oltre 5000 brevetti che Apple ha registrato e che sono legati a vari aspetti dello Spatial Computer di Cupertino.

IDC prevede un aumento nelle spedizioni dei visori XR, con numeri previsti in crescita del 47% rispetto alle 11 milioni di unità vendute nel complesso lo scorso anno.

Secondo i dati di IDC, Meta (considerata un po’ la società che ha fatto da apripista nel settore con l’acquisizione di Oculus), ha spedito nel quarto trimestre dello scorso anno tra 2 milioni e 2,7 milioni di unità di Quest 3. Nonostante il prezzo elevato, l’opinione prevalente nel settore è che Apple sarà un prodotto in grado di far cambiare prospettiva agli utenti incerti sui visori e aumentare la popolarità di questi dispositivi.

Apple non commercializza il visore come l’ennesimo prodotto dedicato al gaming o al “metaverso”, ma preferisce evidenziare funzionalità quali la semplicità di controllo con le gesture, di visualizzare film su gigantesche pareti virtuali, di lavorare con il Mac in multitasking, di effettuare chiamate con FaceTime e sfruttare il dispositivo in ambito istruzione e divertimento.

La competizione di Samsung non può che far bene a Apple e agli utenti dei dispositivi di quest’ultima, portando nuove applicazioni sul mercato e a un abbassamento dei prezzi che porterà a un ulteriore slancio per tutto il settore.

Samsung non è in realtà del tutto estranea a questo ambito e un tentativo di entrare in questo mercato era stato fatto nel 2015 con il visore Gear VR da sfruttare in abbinamento ad uno smartphone.

Dopo vari tentativi (un nuovo Gear VR fu presentato nel 2016 e nel 2017), i visori di Samsung, non sono mai riusciti a ottenere il riscontro sperato da parte degli utenti. L’impegno di Meta nell’ambito VR con il suo concetto di metaverso, ha inoltre complicato tutto per Samsung, obbligandola sostanzialmente a uscire da questo mercato.

Anche Google non è riuscita a proporre suoi dispositivi per la Realtà Aumentata e il progetto Google Glass sul quale aveva lavorato in pompa magna è stato chiuso, anche perché senza un ecosistema di supporto, non assolvevano fondamentalmente ad alcuna esigenza “reale” (l’allora vice presidente senior per  il Worldwide Marketing in Apple nel 2015 li bocciò senza pietà).

Nonostante i precedenti “epic fail” di Google e Samsung sui progetti prima citati e con un orizzonte non chiaro sulle prospettive che avrà la versione Apple, l’azienda sudcoreana ritiene di dover puntare ancora sull’ambito XR.

Dirigenti e marketing Apple evidenziano stupore ed emozione quando si prova per la prima volta Apple Vision Pro: per il regista e filmaker James Cameron è stata una esperienza religiosa. Per il marketing Apple è il dispositivo di intrattenimento definitivo.

Qui le nostre prime impressioni su Vision Pro.

Tutte le notizie su Apple Vision Pro sono disponibili da questa pagina di macitynet.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

Sconto pazzesco del 22% per iPhone 14 da 256 GB, solo 899€

iPhone 14 128 GB scontato di 220 euro su Amazon

Su Amazon torna in sconto e va vicino al minimo di sempre l'iPhone 14 nel taglio da 128 GB. Lo pagate 679 € invece che 870 € in quasi tutti i colori

Ultimi articoli

Pubblicità