fbpx
Home Macity iOS - Sistema operativo Swift sviluppato in segreto per 4 anni: diventerà il nuovo BASIC?

Swift sviluppato in segreto per 4 anni: diventerà il nuovo BASIC?

Una delle sorprese più grandi della WWDC 2014 è senza dubbio l’introduzione da parte di Apple di Swift, il nuovo linguaggio di programmazione di cui nessuno ha mai sentito parlare prima di lunedì 2 giugno. Al contrario di quanto avviene da anni per i nuovi iPhone e iPad, ampiamente anticipati fin nei minimi dettagli, l’esistenza di Swift è rimasta super segreta, nonostante lo sviluppo procedesse all’interno di Apple da ben 4 anni.

La necessità di un nuovo linguaggio di programmazione in grado di superare i limiti dell’efficace ma ormai datato Objective C è nata in Apple nel 2010. E’ proprio nel mese di luglio del 2010 che Chris Lattner, in Apple dal 2005, inizia a lavorare allo sviluppo di Swift. Lattner, laureato nell’Università dell’Illinois, Urbana-Champaign, è un programmatore esperto di compilatori, strumenti e ambienti di sviluppo: dopo una breve esperienza in Microsoft, viene assunto da Apple. Qui Lattner ha integrato e migliorato il compilatore LLVM con gli strumenti di sviluppo e le nuove tecnologie Apple integrate prima in OS X e poi anche in iOS.

Il lavoro di Lattner su LLVM è risultato fondamentale per due delle più grandi rivoluzioni avvenute nell’universo della Mela: il passaggio all’architettura e ai processori Intel nel 2005 e poi anche la migrazione e l’adattamento di OS X in quello che diventarà il sistema operativo di Apple per l’architettura e i processori ARM: iOS per iPhone e iPad.

Nella sua home page su Internet Lattner dichiara di aver iniziato a lavorare a Swift con l’aiuto di un numero ristretto di persone: in queste prime fasi è stata creata la struttura del linguaggio successivamente, a partire dal 2011 inoltrato il gruppo di lavoro è stato ulteriormente esteso. Apple ha investito molto nello sviluppo di Swift che è diventato il progetto principale della divisione Apple Developer Tools nel luglio del 2013, in ogni caso Swift è sempre rimasto un progetto segreto fino al giorno della presentazione.

Swift

Swift è stato creato con il contributo di esperti di linguaggi di sviluppo, guru della documentazione, hacker esperti di compilatori e ottimizzazione del codice. Nel progetto e nelle caratteristiche finali di Swift rientrano idee e spunti raccolti da numerosi altri linguaggi tra cui Lattner cita Objective-C, Rust, Haskell, Python, C#, CLU e altri ancora che non vengono precisati. Infine occorre notare che sia Playgrounds che REPL sono due caratteristiche proposte e inserite in Swift su iniziativa di Lattner. Con Playgrouds è possibile scrivere codice e visualizzare immediatamente il risultato in una finestra interattiva che indica la linea esatta di escuzione del codice riportando grafica e output sullo schermo: dopo aver perfezionato il programma lo sviluppatore può copiare il risultato da Playgrouds e trasferirlo nell’ambiente di sviluppo Xcode. REPL invece è una console per la correzione degli errori: al suo interno è possibile utilizzare il linguaggio Swift per interagire e correggere il programma in fase di sviluppo.

Swift unisce il meglio di diversi mondi: la velocità e l’efficienza dei linguaggi compilati con la semplicità e l’interattività dei linguaggi di scripting più recenti. La sintassi più semplice e potente, insieme all’interattività di Playgrounds offrono una curva di apprendimento meno ripida per i programmatori non esperti o a chi si accinge a compiere i primi passi nel mondo dello sviluppo. Questo era uno degli obiettivi originari di Lattner: non solo semplificare la vita e gli strumenti di lavoro degli sviluppatori professionisti, ma anche rendere la programmazione più facile e divertente per un numero più vasto di persone.

Per tutte questa ragioni Swift è già stato paragonato come possibile erede del BASIC: potrebbe spingere un numero ancora maggiore di persone e di giovani verso la programmazione dell’ecosistema della Mela. Uno dei primi esempi di quello che è possibile fare con Swift è dato dalla conversione del celebre gioco Flappy Bird realizzata in Swift a solo 24 ore dalla presentazione del linguaggio da parte di Apple. Gli scenari resi possibili da Swift sono diversi: da una parte i professionisti potranno creare app per OS X 10.10 e iOS 8 più innovative con più funzioni in meno tempo, oppure sviluppare più rapidamente, dall’altra parte potremmo assistere a una nuova invasione di app di bassa qualità create da una moltitudine di programmatori dilettanti e di quelli alle prime armi. Quest’ultima ipotesi non deve necessariamente essere interpretata in modo negativo: Swift ha portato una ventata di novità e di eccetiazione nel mondo degli sviluppatori, da qui nascono le idee e le app per gli utenti finali, portando così benefici all’interno universo Apple.

In questo articolo di Macity i contenuti e il link per scaricare la guida gratuita a Swift di Apple in formato iBooks.

swift pagina sviluppo 880

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 256 GB scontato su Amazon: 949 €

iPad Pro 11″ 1 TB GB , minimo storico: 1018 euro

Su Amazon iPad Pro torna al prezzo minimo nella sua versione da 1TB GB cellular con schermo da 11 pollici. Lo pagate solo 1018 euro, quasi il 25% in meno del prezzo di listino
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,883FansMi piace
93,611FollowerSegui