HomeiGuidaLa disfida degli AirPods, vi diciamo quali comprare oggi

La disfida degli AirPods, vi diciamo quali comprare oggi

Gli AirPods sono un prodotto iconico, ormai sul mercato in tre differenti modelli. L’abbondanza genera però anche incertezza su quali comprare. Noi a Macitynet da settimane abbiamo compilato un dettagliato articolo con il quale vi diciamo tutte le differenze tra un modello l’altro; se è la questione tecnica che vi interessa andate subito su quell’articolo. Se volete le opinioni distinte una d’altra avete le nostre recensioni di AirPods 2, AirPods 3 e AirPods Pro. Noi qui invece, in attesa degli AirPods Pro 2, previsti nel 2022, vogliamo offrirvi la nostra esperienza ed opinione. Visto che le abbiamo provate tutte e continuiamo ad usarle, anche se con differente intensità, tutte vi diciamo cosa ne pensiamo su che cosa ci guadagnate o perdete nel modo in cui si indossano, suonano e funzionano, oltre a come sono fatte. Ovviamente, lo diciamo subito e lo ribadiremo più avanti, l’opinione è del tutto personale ma comunque crediamo si tratti di una traccia su cui tutti quelli che leggono possano riflettere.

Partiamo dall’inizio

Intanto un attimo di riassunto. La novità di quest’anno sono gli AirPods di terza generazione: design rinnovato che richiama gli AirPods Pro ma con diverse caratteristiche che assomigliano (o sono proprio) quelle degli AirPods base. Ci sono però differenze e novità. E se poi andiamo a vedere le differenze rispetto ai Pro (ma non alle Airpods Max, le cuffie sovrauricolari di Apple che appartengono a una categoria completamente diversa) e alle vecchie AirPods di prima generazione, ci sono da capire parecchie cose. Incluso un ragionamento sul gusto, cioè “quali ci piacciono di più” che è certamente soggettivo ma che può aiutare a capire meglio.

La disfida delle AirPods, vi diciamo quali comprareGli AirPods originali

Gli AirPods originali sono usciti a settembre del 2016 e sono rimasti in produzione sino a marzo del 2019. Suonano bene, hanno una ergonomia notevole (entrano bene nelle orecchie) e sono ben bilanciati. Quasi impossibile perderli, ma mancano di tutta una serie di caratteristiche anche rispetto agli AirPods 2 (che sono esteticamente uguali).

Al confronto con gli AirPods 2 la prima generazione manca della funzione “Ehi Siri” (ci vuole il chip H1, presente solo sulla seconda generazione di AirPods, mentre la prima generazione ha il più lento chip W1), è più lenta nell’esecuzione dei comandi e nel collegamento Bluetooth anche per le telefonate, hanno una autonomia leggermente inferiore e avevano un astuccio di ricarica wireless solo opzionale (rilasciato quando vennero presentati gli AirPods 2). La qualità del suono è identica alla seconda generazione.

Le abbiamo avute in prova prima dell’uscita ufficiale, e sono state una rivoluzione. Oggi sono fuori produzione e non più reperibiliLi citiamo solo perché l’impatto che hanno avuto sul mercato è stato enorme, ma anche dal punto di vista psicologico hanno cambiato il modo di ascoltare la musica, podcast e telefonare. In pratica, niente più garbugli di fili in tasca e agganciamento istantaneo al telefono. Fantastiche e per noi di Macity indimenticabili. 

La disfida delle AirPods, vi diciamo quali comprare
Gli AirPods originali; quando vennero presentati iPhone 7 era lo smartphone di punta di Apple

Gli AirPods 2

Quanto detto per la prima vale anche per la seconda generazione degli AirPods (ma sarebbe meglio dire la versione 1.1), che è quella ancora in commercio (dal marzo 2019), con astuccio wireless opzionale, maggiore efficienza nella performance, leggermente più batteria in chiamata rispetto alla prima generazione, meno latenza e tempi di attesa per rispondere al telefono. Ci piacciono molto, così come ci piacevano gli AirPods della prima generazione. Li abbiamo usati al giorno del lancio e il passaggio è stato “indolore” (ergonomicamente sono identici, come detto). Abbiamo corso per prendere l’autobus, sonnecchiato in treno, camminato per strada, preso la bicicletta in campagna, tutto con le cuffiette sempre ben sicure dentro le orecchie.

Il grande vantaggio di questi auricolari, a parte il design iconico e il bilanciamento ottenuto dallo stilo “lungo” e dalla parte che entra nell’orecchio che è sostanzialmente uguale a quella di quelli con cavetto degli iPhone e iPod, è il modo con il quale si attivano e si controllano. Basta toccarli una, due o tre volte per dare i comandi. Molto comodo ad esempio se ci si trova all’aperto con i guanti d’inverno, o con le mani magari sporche di sabbia d’estate al mare. Inoltre, il “tap” a differenza della pressione con due dita sullo stilo (tipico degli AirPods Pro e più recentemente devo AirPods 3) non rischia di scalzare le cuffie.

In coda al supermercato, aspettando i bambini davanti a scuola d’inverno, mentre si sta facendo altro: basta alzare la mano e dare un colpetto per disattivarle o per rispondere a una telefonata. Fantastiche. Le funzioni base ci sono tutte ed è chiaro perché Apple con questo prodotto ha letteralmente conquistato il mondo.

La disfida delle AirPods, vi diciamo quali comprare
La chiamata a viva voce di Siri era una delle novità “top” degli Airpods 2

Gli AirPods Pro

Arrivati a ottobre 2019, gli AirPods Pro hanno preceduto le AirPods Max  (ma qui non ne parliamo), sono auricolari a cancellazione del rumore, costruiti con un approccio completamente diverso rispetto a quelli “normali”. Infatti sono più grandi perché dentro hanno più elettronica e microfoni invisibili ma necessari alla cancellazione del suono oltre che alla registrazione dell’audio, uno stelo molto più corto che va afferrato e “spremuto” per le varie funzioni, infine i gommini di silicone in tre taglie che servono a gestire l’aderenza delle cuffie all’interno dell’orecchio. I Pro consentono di gestire la cancellazione elettronica del suono, un normale effetto “tappo” passivo e la funzione trasparenza che a comando fa passare il suono dall’esterno. Inoltre, sono predisposti per funzionare con le funzioni più avanzate dell’audio loseless di Apple e soprattutto dell’audio spazializzato, che però è arrivato dopo. Gli AirPods normali di prima e seconda generazione non sono compatibili con queste nuove funzioni. 

Li abbiamo attesi a lungo perché abbiamo sperato che Apple presentasse auricolari a cancellazione del suono da tenere sempre in tasca. Quando sono arrivati il risultato tecnico è stato eccellente ma alcuni problemi, che non abbiamo riscontrato solo noi, limitano il nostro entusiasmo.

Innanzitutto il fattore di forma che è diverso: sono più tozzi e hanno uno stilo corto con invece un elemento di grandi dimensioni che entra dentro l’orecchio. Lo stilo deve essere afferrato con due dita e “strizzato” per accendere e spegnere la musica oltre che per tutte le altre funzioni. Lo troviamo abbastanza scomodo. Così come abbiamo trovato faticoso oltre che scomodo il sistema a gommini per l’isolamento dell’orecchio dall’esterno e quindi per la cancellazione del suono. Intendiamoci i gommini danno un grande contribuito per la cancellazione del suono e un altrettanto importante aiuto dal punto di vista sonoro. Però bisogna azzeccare la dimensione giusta che non è una cosa facile (ce ne sono di quattro misure) e anche raggiunto questo obbiettivo con il passare del tempo affaticano l’orecchio. Chi scrive non riesce a superare le due ore di utilizzo: sembra tanto ma è in realtà il tempo di un viaggio in treno, ad esempio, di media lunghezza. In più gli auricolari tendono a fuoriuscire perché poco alla volta il canale auricolare per l’umidità della pelle tende a diventare scivoloso.

Per noi sono risultati straordinari dal punto di vista della resa sonora e della capacità di cancellare i rumori esterni (geniale anche la funzione di trasparenza, che all’epoca del lancio degli AirPods Pro non era diffusa nel settore), l’audio spazializzato e lossless qui è al massimo, ma sono più scomodi e faticosi da indossare degli AirPods di prima e seconda generazione.

La disfida delle AirPods, vi diciamo quali comprare
La soppressione del rumore è il principale punto di forza degli Airpods Pro

Gli AirPods di terza generazione

Gli AirPods 3 hanno fatto il loro esordio da poche settimane e hanno subito portato in evidenza alcuni fattori. Manca la funzione di cancellazione elettronica del suono o quindi anche trasparenza. Sono di forma “cicciotta” con stelo corto, praticamente identici alle Pro ma senza il gommino. Hanno però tutte le funzioni più avanzate per l’audio lossless e spazializzato che funziona (come per le Pro) in molte applicazioni ad esempio anche dal player YouTube su Safari oltre che da Apple Tv+ e QuickTime; attenzione però, non funziona su VLC.  

Li abbiamo comprati con scetticismo, aspettandoci che un prodotto costoso e dall’ergonomia apparentemente simile alle Pro fosse limitato sia come uso che come opportunità economica. Ci siamo ricreduti. Stanno benissimo nell’orecchio, non l’affaticano, hanno le funzioni audio più avanzate e, se non vi serve la cancellazione del suono, sono perfetti. Come giustificare il prezzo paragonabile a quello delle Pro? Ci arriviamo tra un attimo.

La disfida delle AirPods, vi diciamo quali comprare

Comprare gli AirPods 2

Ha senso comprare gli AirPods di seconda generazione? O continuare a sfruttare per chi li ha ancora AirPods 1? Ce lo siamo chiesti anche noi. I vantaggi sono in parte per la qualità del suono, che comunque è più che decente con buoni bassi, presenza pronunciata e una certa esuberanza agli alti volumi o se calzati bene nelle orecchie. Invece, la disponibilità di “Ehi Siri” nella versione 2, il “tap” per la gestione dei comandi anziché lo “squeeze” e una ergonomia notevolissima (a chi sta scrivendo in tre anni non sono mai cadute dalle orecchie neanche correndo o facendo esercizio fisico) li rendono un’ottimo acquisto. Certo, la forma è meno “hip” dei modelli più nuovo, ma funzionalmente si difendono ancora molto bene rispetto alla versione 3. Se non avete altri AirPods e volete risparmiare o spendere il meno possibile, comprare gli AirPods di seconda generazione è una scelta razionale e non la rimpiangerete. Vi mancherà però la funzione di audio spazializzato. Almeno a noi mancherebbe.

Sto caricando altre schede...

Comprare gli AirPods Pro

Gli AirPods Pro sono più costosi e sono anche quelle più laboriosi da utilizzare. La custodia è la più ingombrante (anche se sta perfettamente nel taschino porta-zippo dei jeans di un adulto), l’autonomia molto buona e le funzioni favolose. La gestione della cancellazione o amplificazione del suono è molto ben fatta e l’aggancio al bluetooth rapidissimo. Apple ha fatto miracoli anche nell’ottimizzazione della gestione delle cuffie su più apparecchi quindi se avete un set completo (iPhone, iPad, MacBook, iMac e Apple Tv); la resa sonora è nettamente superiore a quelle degli altri tipi di cuffie, con una gamma di frequenze molto più ampia, suono modellato molto bene, effetto amplificato per i bassi grazie al fatto che i driver sono “sigillati” dentro il canale auricolare.  Per questo tecnicamente non c’è proprio ragione per cui non dovreste comprarle.

La maggiore criticità è il bilanciamento ergonomico non ottimale per via dello stelo molto corto e poi i gommini di silicone complicano la calzata: chi scrive ha sempre fatto fatica a trovare la combinazione giusta e dopo due-tre ore, come detto, si prova una certa fatica all’orecchio che non c’è invece con gli AirPods normali.

Passare dagli AirPods di seconda generazione a questi auricolari per chi scrive è stato quindi un vantaggio in termini di resa sonora e isolamento ma non tanto in termini di usabilità. 

Sto caricando altre schede...

Comprare gli AirPods 3

Gli AirPods 3 costano sostanzialmente più degli AirPods 2 e poco meno degli AirPods Pro a fronte di quei vantaggi? I punti di forza sono la spazializzazione del suono e la gestione dei formati loseless sui quali Apple sta investendo molto. Inoltre, il nuovo modello fa passi avanti dal punto di vista ergonomico rispetto ai vecchi AirPods perché hanno il vantaggi del formato più compatto dei Pro ma senza il problema del gommino. Dopo tre settimane di uso quotidiano possiamo soggettivamente (le cose non sono così per tutti) dire che non presentano nessuno dei limiti di comodità e del modo di calzare rispetto ai Pro. Anche la qualità del suono è molto buona e seppure leggermente inferiore a quella degli AirPods Pro per via della mancanza dei gommini auricolari che “isolano” e proiettano tutto il suono dentro il canale auricolare, staccano comunque gli AirPods di seconda generazione in maniera netta.

Sto caricando altre schede...

In conclusione

Ed eccoci al “domandone” finale: quali AirPods dovrei compare? La risposta mette in crisi molti dei lettori che ci chiedono personalmente o ci scrivono e al quale pensiamo di poter dare una risposta precisa, anche se ovviamente personale, perché questi auricolari li abbiamo avuti tutti e li abbiamo usati tutte intensamente.

A fronte di questo la risposta che ci siamo dati è che sparare nel mezzo, quindi andare sugli AirPods 3, è la scelta più giusta. Perderete le funzioni di cancellazione del rumore degli AirPods 3 ma avrete tutto il resto e guadagnerete per alcuni aspetti: l’ergonomia è migliore, vi affaticherete meno le orecchie, la custodia è anche più piccola di quella degli AirPods Pro e alla fine spenderete meno, persino con gli sconti (che sugli AirPods Pro sono più alti)

Dovreste invece comprare le AirPods 2 se l’obbiettivo è quello di spendere il meno possibile per avere un paio di auricolari buoni per tutte le occasioni, capaci di fare tutto l’essenziale, eccellenti per l’integrazione con gli iPhone, “compatibili” con tutte le orecchie.

E gli AirPods Pro? Chi dovrebbe comprarli? Tutti coloro che sono certi che degli auricolari in ear con gommini non sono un problema. Se appartenete a questa categoria, a fronte di una custodia leggermente più grande e di qualche decina di euro in più, avrete la cancellazione del rumore e un prodotto che non mancherà di darvi grandi soddisfazioni anche dal punto di vista musicale.

Mettetevi però nell’ordine delle idee che prima di tutto non dovrete mai comprare questi auricolari a più di 200 €. In passato sono scesi anche a 160 € ma il prezzo più frequente è intorno ai 190 €.

In secondo luogo stanno per arrivare i nuovi AirPods Pro 2 di cui parliamo largamente in questo nostro articolo e che avranno funzioni non ancora pienamente definite e note, ma certamente saranno un prodotto diverso e più sofisticato.

Dove comprare

Gli Airpods si trovano ovunque. Spesso con ampi sconti (tranne che nei negozi Apple). Potete trovarli quindi senza problemi. Se volete il massimo sconto quasi sempre questo è disponibile su Amazon anche se a volte capitano ottime occasioni anche presso i grandi retailer. La massima assistenza possibile, configurazione e consigli è invece una esclusiva dei negozi con la Mela siano essi quelli ufficiali che gli Apple Premium Resellers.

 

 

Offerte Speciali

Come acquistare MacBook Air M1 a rate su Amazon con carte ricaricabili

Mac Book Air M1 torna a 999 €, 230 € di risparmio su Amazon

Il modello di MacBook Air M1 nella versione da 256 GB torna sotto i mille euro su Amazon ed arriva entro la settimana.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial