Questo sito contiene link di affiliazione per cui può essere compensato

Home » Macity - Apple » Mondo iOS » iPhone » Forse saranno questi i prezzi di iPhone 15 Pro negli USA

Forse saranno questi i prezzi di iPhone 15 Pro negli USA

Pubblicità

Abbiamo già detto che iPhone 15 Pro potrebbe costare di più. Ora un analista finanziario ipotizza anche il loro prezzo: almeno il 10% sopra del prezzo di oggi.

La stima è stata elaborata da Tim Long, che lavora British Bank Barclays e già apparso sui nostri radar per avere previsto (sbagliando) gli iPad Oled nel 2021 e il Wi-Fi 6 in iPhone 13 (azzeccandoci).  In base a quanto riferisce il sito MacRumors che ha visto il rapporto di Long, gli iPhone Pro potrebbero aumentare negli USA tra il 10 al 18%, con uno scalino in dollari tra i 100 e i 200$.

In pratica

  • iPhone 15 Pro: da 999 a 1.099 $
  • iPhone 15 Pro Max: da 1.099 da 1.299$

La buona notizia è che gli iPhone 15 e iPhone 15 Plus, invece, non dovrebbero aumentare di prezzo, lasciando il modello di ingresso al (relativamente) abbordabile prezzo di oggi.

Le ragioni per cui i modelli Pro sarebbero destinati ad aumentare di prezzo negli USA  sono varie. Da una parte l’aumento delle componenti e dell’inflazione in generale, un processo che seppure rallentato è ancora in atto, dall’altra a nuove funzioni che richiedono una struttura più costa e complessa: basti pensare alla fotocamera zoom con periscopio di iPhone 15 Pro Max.

Anche il processore da 3 nanometri, altra esclusiva e costosa componente, è destinato ad avere un prezzo maggiore per l’estrema complessità e per il fatto che sarà un pezzo raro e difficile da procurarsi. Apple avrebbe infatti prenotato tutta l’intera produzione di TSMC.

TSMC pronta a produrre chip a 3 nm nella seconda metà di quest’anno

C’è quindi da preoccuparsi? In questo momento è meglio prendere con le molle ogni informazione che giunge su iPhone 15 e anche questa non fa eccezione.

Da una parte Tim Long non è stato sempre preciso, dall’altra la fonte sono i classici e non precisamente denominati “fornitori asiatici” dall’altra ancora perché Apple può tranquillamente decidere per sue ragioni di mercato di assorbire o mitigare lo scalino di prezzo tagliando una parte del ricarico applicato dai fornitori.

Per quanto riguarda i mercati internazionali, il nostro incluso, c’è anche un altro elemento di cui va tenuto conto di cui (in parte a ragione) i giornalisti e commentatori americani non si curano: il fattore cambio. Lo scorso anno iPhone aveva mantenuto lo stesso prezzo negli USA ma era aumentato in Europa per il fattore cambio tra Euro e dollaro con l’Euro sceso sotto la parità con la valuta verde. Quest’anno l’Euro ha preso circa il 10%, passando da 0,99 a 1,11 dollari.

Non è detto che Apple sia tanto generosa da passare ai clienti europei questo vantaggio determinato dal cambio, ma la possibilità di non aumentare o se non altro di non aumentare i prezzi di iPhone 15 nella proporzione che si prevede negli USA, ci sarebbe.

Offerte Apple e Tecnologia

Le offerte dell'ultimo minuto le trovi nel nostro canale Telegram

Top offerte Apple su Amazon

I nuovi iMac con chip M3, Wi-Fi 6E e Bluetooth 5.3

Sconto del 24% su iMac M3, solo 1412 € per versione 8+10 core

Su Amazon va in sconto va al minimo l'iMac con processore M3 in versione base. Lo pagate 330 euro meno del suo prezzo di listino nella configurazione con 256 GB di disco, CPU 8-core e GPU 10-core, solo 1412 €, riobasso del 24%
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità