fbpx
Home iPhonia iPhone Conviene ancora comprare un iPhone X ora che c'è XS?

Conviene ancora comprare un iPhone X ora che c’è XS?

Scommettiamo che voi che avete un iPhone 7, un 8 o magari anche uno precedente ve lo state chiedendo:  iPhone XS è bello, bellissimo. Ma visto che le voci di un sostanzioso ribasso dei prezzi rispetto ad iPhone X non sono state mantenute, mentre gli iPhone X, usciti di produzione, ora si trovano a prezzi molto appetibili, ha senso pensare di acquistare il modello dello scorso anno? In fondo a prima vista sono identici e anche le prestazioni sembrano non troppo differenti. Che cosa potrei perdere a fronte del risparmio? Conviene oppure non conviene? Faccio un affare o rinuncio a qualche cosa di importante? Parliamo ovviamente di iPhone X al confronto con un iPhone XS da 5,8 pollici, non di iPhone XS Max da 6,5 pollici, che come vi spieghiamo nella nostra recensione è un prodotto di classe e con una destinazione del tutto differenti.

Se volete una risposta diretta e secca ai vostri dubbi, vi basta fare click qui. Se vi serve qualche cosa di ragionato e specifico, e volete approfondire sulle ragioni della nostra risposta finale, continuate a leggere…

L’iPhone XS è il successore ufficiale di iPhone X, terminale del decimo anniversario che ha rivoluzionato completamente l’estetica dei predecessori. Questa volta, però, come facilmente intuibile dal nome, iPhone XS è più una evoluzione di iPhone X, che non una vera rivoluzione.

Estetica e design

Dal punto di vista estetico iPhone X e iPhone XS sembrano praticamente identici. Se non fosse per la nuova colorazione oro, disponibile solo su XS, sarebbe davvero difficile distinguerli ad occhio nudo. Anche le dimensioni tra i due terminali sono identiche: 143,6 mm x 70,9 mm x 7,7 mm l’uno, e 143,6 mm x 70,9 mm x 7,7 mm l’altro. L’unica differenza è nel peso, a vantaggio di iPhone X che risulta più leggero: 174 grammi, contro i 177 grammi di iPhone XS.

LG diventa secondo fornitore Apple per gli schermi OLED

Non solo misure e look sono praticamente identici, ma anche il posizionamento dei tasti, del notch e della fotocamera sono uguali. Questo dovrebbe, di diritto, far sì che le cover dell’uno siano compatibili con l’altro, anche se Apple sul sito ufficiale non riporta come compatibili  con iPhone X le custodie iPhone XS. La ragione è in un lievissimo disassamento della fotocamera posteriore. Questione di un millimetro, forse meno. Ma questo impedisce che alcune custodie molto precise (come quelle Apple) siano esteticamente perfette. In ogni caso nulla impedisce di usarle se non badate ai super dettagli.
iPhone Xs Max, tutto quello che sappiamo
E’ chiaro che dal punto di vista estetico, iPhone XS non rappresenta per il mondo Apple quella rivoluzione che l’iPhone X ha portato lo scorso anno. Se ci dovessimo basare, pertanto, sul fatto estetico, risponderemmo negativamente alla domanda del titolo: no, non conviene aggiornare da iPhone X a XS per il fattore estetico.
Specifiche e prestazioni

Se si effettua una rapida comparazione, fianco a fianco, sul sito web Apple, ci si avvedere che gran parte della scheda tecnica di iPhone X è sovrapponibile a quella di iPhone XS. L’elemento di principale differenza è, però, il processore. Salta, infatti, all’occhio, che iPhone X risulta dotato dell’A11 Bionic, contro l’A12 Bionic del nuovo modello. Il primo è maggiormente efficiente, perché prodotto a 7nm (contro i 10nm di A11). Entrambi sono dotati di Neural Engine, anche se Apple dichiara che A12 è. dotato di motore neurale di nuova generazione.

[aps_product id=”747264″]

CPU

Il processore di XS è a 6 core, con due core ad alte prestazioni e quattro core ad alta efficienza. Per questo nuovo processore Apple dichiara che i due core ad alte prestazioni sono fino al 15% più veloci rispetto al chip A11 Bionic, mentre i quattro core ad alta efficienza riescono a ridurre i consumi fino al 50% rispetto al chip A11 Bionic.

A12 Bionic

Anche la GPU progettata di iPhone XS è migliore rispetto a quella di iPhone X.  Apple ha infatti aggiunto un quarto core che, insieme alla compressione lossless della memoria, dà ancora più slancio alle prestazioni grafiche nei giochi, nel montaggio video e nelle app che mettono più a dura prova la GPU. Le prestazioni grafiche del nuovo modello, dunque, risultano fino al 50% più veloci rispetto al chip A11 Bionic, che riesce ad ottimizzare le API grafiche Metal 2.

La nuova architettura neurale a 8 core, a detta di Apple, è in grado di compiere 5000 miliardi di operazioni al secondo, e la Core ML è fino a 9 volte più veloce rispetto al chip A11 Bionic.

[aps_product id=”787256″]

A leggere le specifiche riguardanti il processore, iPhone XS risulta in tutto più performante di iPhone X. Da questo punto di vista, dunque, la CPU potrebbe essere uno dei motivi più validi per aggiornare, anche se nel quotidiano, l’utente medio, con utilizzo normale, potrebbe non accorgersi immediatamente di tutta questa differenza di potenza. Non per demeriti del chip A12, ma per meriti della CPU A11, che si è dimostrata essere particolarmente efficiente.

Macitynet, che ha provato iPhone XS Max che usa lo stesso processore di iPhone XS, è giunta alla conclusione che il processore fornisce una superiore esperienza d’uso nell’interfaccia, ma che in fatto di potenza pura non ci siano differenze effettive percepibili nell’uso quotidiano.

Fotocamere

Ad una prima lettura le telecamere sembrano essere praticamente le stesse su iPhone X e iPhone X. Doppia fotocamera sul retro da 12 MP con grandangolo e teleobiettivo per ambo i modelli, così come fotocamera TrueDepth da 7 MP sul frontale.

Le differenze, però, ci sono. La doppia fotocamera dell’iPhone XS, infatti, ha dimensioni pixel di 1.4μm,  invece dei 1.22μm di iPhone X, il che significa pixel più grandi e quindi tecnicamente la possibilità di ricevere più luce. Questo dovrebbe aiutare nelle foto in condizioni di scarsa luminosità. Al momento, comunque, è difficile fare un confronto, e si dovranno attendere test e recensioni più approfonditi per vedere, a conti fatti, quanta differenza qualitativa ci sia tra le foto scattate con iPhone X e quelle effettuate con iPhone XS.

iPhone X contro iPhone XS, conviene aggiornare?

Macitynet ha messo alla prova in un test la fotocamera di iPhone XS Max, la stessa di iPhone XS, confrontandola con quella di iPhone X. Pur avendo un dettaglio e un software più intelligente e potendo regolare lo sfocato, la fotocamera di iPhone XS non stacca in maniera netta quella di iPhone X. I vantaggi arrivano dalla superiore precisione nella simulazione del Bokeh e da un passo in avanti nell’intelligenza di HDR, anche se per quest’ultimo aspetto si può discutere: attivando Smart HDR si ottengono immagini meno contrastate, pur con dettagli superiori nelle ombre.

Face ID

Entrambi i terminali, naturalmente, sono dotati di Face ID. Da questo punto di vista sembrano, dunque identici. Apple, però, ha dichiarato di aver migliorato gli algoritmi che determinano il funzionamento dello sblocco. Non è chiaro se questi algoritmi siano esclusivamente funzionanti su A12, dunque XS, o se possano essere inseriti anche su iPhone X.

Invasione di iPhone e iPad con Face ID, volano i conti del fornitore Apple

Dual Sim

Prestate attenzione. iPhone XS in Italia non avrà un vano per due Sim fisiche. Questa versione è riservata solo al mercato cinese. La scheda Apple, anche nel nostro paese, recita per iPhone XS “Dual Sim”, contro la singola Sim di iPhone X. E’ vero, ma con le dovute precisazioni. iPhone XS offre un vano per una nano Sim fisica, più la possibilità di inserire una eSIM. La eSIM, in Italia, non è operativa, e anche nel resto d’Europa sembra avere poco senso, dato che le tariffe nazionali prevedono ormai la possibilità di roaming gratuito quando si viaggia all’interno della UE. La funzione della eSIM potrebbe essere utile per chi viaggia in USA, o in India, mentre risulta marginale per chi fa un utilizzo “locale” del dispositivo.

Software e applicazioni

L’iPhone XS sarà distribuito sul mercato con iOS 12 già pre installato. Si tratta dello stesso sistema operativo già rilasciato da Apple che è possibile installare su iPhone X gratuitamente.

iOS 12 ora disponibile per tutti gli utenti di iPhone e iPad

Il software è praticamente identico per l’uno e per l’altro terminale. Su iPhone XS, però, sarà possibile regolare la profondità di campo nell’applicazione foto in post processing, come è possibile fare sul Samsung Galaxy Note 9 o su Huawei P20 Pro. E’ la prima volta su iPhone, e al momento rimane esclusiva iPhone XS.

Batteria e alimentazione

Quando si tratta di dati tecnici Apple è avara di informazioni. Si dovranno aspettare i teardown terze parti per scoprire esattamente alcune specifiche. Ad ogni modo, la batteria di iPhone XS, dichiara Apple, durerà fino a 30 minuti in più rispetto ad iPhone X. E’ un’affermazione molto generica, ma andando a spulciare le comparazioni ufficiali si legge che iPhone XS dura un’ora in meno in conversazione wireless (20 ore contro le 21 di X), mentre dura un’ora in più nella riproduzione video, 14 ore contro le 13 di iPhone X. Sulla velocità di ricarica i due terminali sembrano equivalersi, potendo ricaricarsi fino al 50% in 30 minuti.

Piccole differenze

Oltre a quelle già citate, iPhone X e XS presentano altre differenze, per alcuni di poco conto, per altri significative.

Resistenza all’acqua

La prima è relative alla resistenza all’acqua: iPhone XS (IP68) resiste ad una profondità massima di 2 metri fino a 30 minuti, iPhone X (IP67) fino a 1 metro per la stessa durata. iPhone X non è venduto nel taglio da 512 GB.

Rete cellulare

iPhone XS gode di supporto LTE di classe Gigabit, mentre iPhone X di 4G LTE Advanced.

Confezione

Nella confezione di vendita iPhone XS non è incluso l’adattatore jack cuffie a Lightning, mentre in quella di iPhone X è presente.

Prezzi

iPhone XS parte da 1189 euro nella variante da 64 GB, 1359 euro per la versione 256 GB e 1589 per il modello da 512 GB e si acquistano da qui. iPhone X, invece, non è più in listino. Facile capire la mossa di Apple, che tende così a massimizzare le vendite del nuovo terminale. Se avesse lasciato iPhone X in catalogo, magari ad un prezzo ridotto, l’utenza avrebbe potuto volgere l’attenzione al modello precedente più economico, molto simile all’attuale. E’ facile, comunque, trovare iPhone X sui vari negozi online, su eBay o anche nelle catene di elettronica, con un prezzo medio che varia da 849 a circa 949 euro. Insomma, si può troverà un iPhone X a 300/350 euro meno rispetto alla nuova controparte XS. Se si è più fortunati, grazie a coupon e sconti, iPhone X si potrà anche trovare a prezzi più convenienti.

La tabella con il confronto diretto

[aps_comparison ids=”747264,787256″]

Mi conviene comprare iPhone X?

Conviene comprare su un iPhone X, magari su eBay, e risparmiare oppure devo puntare su iPhone XS? Premettendo che si tratta di valutazioni e considerazioni assolutamente personali, al momento la risposta è no: non comprate un iPhone XS

Si tratta di due prodotti identici (dettagli quasi invisibili a parte) esteticamente, software pressoché identico, reparto fotografico sulla carta potenziato su iPhone XS, ma comunque vicino e senza particolari rivoluzioni. Processore A12 più potente, ma solo mettendo a confronto i due prodotti si possono percepire le differenze che restano minime. Schermo assolutamente identico. Batteria con le stesse prestazioni, minuto più, minuto meno.

A questo punto l’unica ragione di comprare un iPhone XS al posto di un iPhone X resta nel deprezzamento che per iPhone X sarà più veloce, ma non certo in maniera determinate, rispetto a quello di un iPhone XS. Questo se non pensate di cambiare iPhone ogni anno è un fattore del tutto relativo anche perché siamo pronti a scommettere che l’anno prossimo, al lancio dei nuovi iPhone 2019, la differenza di prezzo di acquisto tra un iPhone XS e un iPhone X nuovi o usati che siano non sarà colossale e quindi avrete fatto sempre un affare ad avere acquistato oggi un iPhone X al posto di un iPhone XS.

Offerte Speciali

Amazon sconta il Magic Mouse 2 del 25%: solo 64 euro

Verso il Cyber Monday: Magic Mouse 2 a solo 71 euro

Su Amazon il Magic Mouse 2 torna in sconto. Ora lo pagate addirittura solo 71 euro.