24 ore dal lancio di iPhone SE ed iPad Air 3: tutte le ultime novità

Mancano solo 24 ore all’evento Apple durante il quale saranno presentati iPhone SE e iPad Air 3. Ecco tutte le ultime novità e le indiscrezioni sulle specifiche tecniche dei nuovi dispositivi della Mela.

Mancano esattamente 24 ore all’evento con cui Apple annuncerà le sue non precisate, ufficialmente, novità di primavera. In realtà resta relativamente poco da scoprire perchè da settimane si parla di quello che dovrebbe apparire nelle mani di Tim Cook. Anche recentemente Macitynet ha pubblicato un esaustivo resoconto, ma durante gli ultimi giorni abbiamo appreso ancora qualche dettaglio, non irrilevante, sui nuovi dispositivi, che vale la pena di riportare.

iPhone SE

L’ iPhone SE sarà sicuramente il protagonista principale del pomeriggio di domani. Volendo sintetizzare per dare una idea di quel che ci attende, dovremmo dire che si tratta di un iPhone 6s nei panni di un iPhone 5s.

Apple inizialmente avrebbe pensato di chiamare questo telefono iPhone 5se, ma successivamente ha deciso di cambiare questa denominazione per liberarlo da un vincolo troppo stretto con un modello vecchio di quasi tre anni e che non avrebbe reso giustizia alle tecnologie interne. Ultimamente abbiamo appreso che avrà lo stesso processore (A9) e la stessa fotocamera (12 megapixel) dell’iPhone 6s con registrazione 4K, Bluetooth 4.2, VoLTE, 802.11ac, Live Photo e NFC per Apple Pay; ci sarà anche una versione in oro rosa, come abbiamo visto in iPhone 6s e tornerebbe anche la versione oro (questo colore era stato eliminato dall’attuale gamma di iPhone 5s). Alla fine delle principali tecnologie di iPhone 6s, mancherà solo 3D Touch.

Un aspetto importante su cui non è stata ancora fatta totale chiarezza è nel design. Le informazioni più ricorrenti parlano di un telefono che sarà di fatto identico ad iPhone 5s, anche dal punto di vista dei materiali, tanto che le custodie di iPhone 5s potrebbero essere facilmente utilizzabili con iPhone SE. Ma più recentemente si sono visti modelli di iPhone SE stampati in 3D (il cui design è ricavato dalle custodie) che differiscono per spessore e profilo da iPhone 5s, anche se non in maniera radicale. Insomma se è tramontata l’ipotesi di un “mini iPhone 6s”, Apple potrebbe avere approfittato degli anni trascorsi, per avere affinato il processo costruttivo del telefono lanciato nel 2013.

Uno dei fattori più determinanti per il successo di iPhone Se sarà il prezzo. Anche di questo si è parlato molto e le opinioni convergono sul fatto che iPhone 5se dovrebbe collocarsi esattamente nella stessa fascia di prezzo di iPhone 5s di cui prenderà il posto. Si potrebbe pensare ad una fascia di prezzo tra i 529 e i 579 euro, per il modello con meno memoria.

Keynote Apple 21 marzo

iPhone 5s, niente addio

Uno degli aspetti meno esplorati delle conseguenze dell’evento di lancio di iPhone SE  sarà la riduzione di prezzo che subirà iPhone 5s. Sì, perchè secondo le fonti, Apple non dirà addio a questo modello, ma lo riposizionerà nel listino e lo farà scendere ad appena 250$, il che significherebbe un prezzo nell’ordine dei 350 euro sul mercato italiano. Apple avrebbe così uno strumento per conquistare alcuni mercati, come quello Indiano e di altri paesi in via di sviluppo dove oggi un telefono da 700 euro non si vende. l’iPhone 5s è ancora pienamente compatibile con i servizi Apple (fatta eccezione per Apple Pay) e riuscire a venderne molti, significa conquistare terreno e vendite, tamponando la stasi dei mercati occidentali che ora attendono iPhone 7 per comprare.

Se questa ipotesi è vera, da domani Apple potrebbe avere una offerta molto più diversificata e una scala di prezzo con scalino d’ingresso molto più basso. Possiamo immaginare un iPhone 5s da 350 euro, un iPhone SE da 569 euro, un iPhone 6 da 669 euro e un iPhone 6s da 679 euro.

Il lancio di iPhone SE potrebbe essere immediato e arrivare addirittura nei negozi questo venerdì.

iPad Air 3

Il secondo importante invitato sul palco di Town Hall, auditorium all’interno del Campus Apple di Cupertino dove si terrà l’evento di domani, sarà iPad Air 3. Qui una delle cose meno chiare sembra essere il nome, perchè sembra abbastanza improbabile che Apple utilizzi questa denominazione, anche se dal punto di vista del design saremmo di fronte ad un prodotto molto simile ad iPad Air 2. Anche qui, come nel caso di iPhone SE la parentela stilistica nasconderebbe tecnologie del tutto simili a quelle di iPad Pro: avrà infatti 4 altoparlanti, una elevatissima risoluzione Retina (addirittura superiore a quella di iPad Pro che è di 2,732 x 2,048 pixel a 264 ppi su uno schermo da 12,9” di diagonale) con schermo di nuova generazione, molto più luminoso dell’attuale, chip A9X,  RAM da 4GB, utile soprattutto sul terreno del multitasking, flash LED accanto alla camera posteriore.

Uno degli aspetti di maggior interesse sarà il supporto di Apple Pencil. Con la compatibilità con la stilo, Apple non solo aumenterebbe le potenzialità di mercato dell’accessorio, ma renderebbe iPad Air 3 un prodotto appetibile ad un pubblico professionale, grafici e creativi in genere. In particolare potrebbe esserci un vasto numero di utenti che vorrebbero disegnare o ritoccare immagini usando la Apple Pencil in mobilità, oppure ritengono non necessario avere uno schermo di grandi dimensioni per questo uso e quindi gradirebbero un iPad Air 3 compatibile con la stilo.

Il nuovo iPad Pro “mini” avrà anche Smart Connector che sarà compatibile con una nuova tastiera in arrivo e che lo renderà ottimo per chi ha bisogno di utilizzarlo per testo, fogli di calcolo e così via.

Per quanto riguarda il prezz, secondo le ultime anticipazioni il nuovo iPad Pro 9,7” partirà dalla versione da 32 GB al prezzo di 599 dollari, un incremento del prezzo di 100 dollari accompagnato però da specifiche superiori e dal raddoppio dello spazio della memoria. Ricordiamo infatti che fino a oggi gli iPad Air da 9,7” sono proposti a partire da 499 dollari ma con capacità di 16GB. Traducendo i prezzi USA con quelli in euro, sembra lecito attendersi un nuovo iPad Pro 9,7” 32GB solo Wi-Fi a partire da 599 euro.

Con l’introduzione del nuovo iPad sono previste modifiche al listino Apple attuale: iPad Air di prima generazione potrebbe essere terminato, mentre è possibile che Cupertino continui a proporre iPad Air 2 rivedendo prezzo e configurazioni, che diventerebbe così il modello entry level per i tablet Apple da 9,7”.

Anche iPad Air 3, dovrebbe seguire la sorte di iPhone Se per quanto riguarda le date di disponibilità. Arriverà nei negozi subito, già da questo venerdì almeno così sostengono le solite, ben informate, fonti.

tutto su iPad Air 3

Varie ed eventuali

Apple nel corso dell’evento di domani, probabilmente presenterà novità minori per Apple Watch, sotto forma di nuovi bracciali. Niente di importante dal punto di vista dell’utente finale, ma che è sicuramente fondamentale per capire le strategie più recenti di Apple che punta molto sul fashion e lo stile. Di questo argomento parliamo a parte.

Domani dovrebbero arrivare anche iOS 9.3 che da qualche tempo è in beta. Tra le novità abbiamo Night Shift, note protette con Touch ID, novità in CarPlay. Arriveranno anche tvOS 9.2 (supporto a dettatura a voce, iCloud Photo, tastiere Bluetooth), Os X 10.11. 4 (supporto Live Photo) e watchOS 2.2 (possibilità di abbinare lo smartwatch a più iPhone). Inevitabile anche il rilascio di un  nuovo iTunes

Poche se non nulle le possibilità che possano arrivare nuovi Mac. Forse è possibile solo il lancio di un aggiornamento del MacBook 12″ Retina che ormai ha un anno e il cui processore è considerato (non da ora, in realtà) il vero punto debole di questo, per il resto, eccellente prodotto.

Ricordiamo che Apple manderà in streaming l’evento, anche su Apple TV. Macitynet seguirà tutto lo svolgimento da vicino e successivamente darà approfondite informazioni sulle novità, immagini, filmati. La pagina di approdo da mettere nei bookmark è quella della diretta, che sarà aggiornata nelle prossime ore.

 

 

  • Pilade

    Speriamo che lo SE non costi molto e abbia terreno fertile con gli operatori…

    • Robertino68

      Non costi molto…. Parola grossa per Apple… Abbiamo la percezione che prima o poi realizzerà un iPhone per i poveri (senza offesa per nessuno in difficoltà economiche, ma è un modo di dire usato anche in vari campi come quella automobilistico ad esempio). Nossignori, i prezzi saranno sempre più alti della media, a prescindere.

      • Fan di tecnologie

        lo saranno finché ci sarà qualcuno disposto a spendere le cifre richieste.

    • Robertino68

      Non costi molto…. Parola grossa per Apple… Abbiamo la percezione che prima o poi realizzerà un iPhone per i poveri (senza offesa per nessuno in difficoltà economiche, ma è un modo di dire usato anche in vari campi come quella automobilistico ad esempio). Nossignori, i prezzi saranno sempre più alti della media, a prescindere.

    • Robertino68

      Non costi molto…. Parola grossa per Apple… Abbiamo la percezione che prima o poi realizzerà un iPhone per i poveri (senza offesa per nessuno in difficoltà economiche, ma è un modo di dire usato anche in vari campi come quella automobilistico ad esempio). Nossignori, i prezzi saranno sempre più alti della media, a prescindere.

    • Robertino68

      Non costi molto…. Parola grossa per Apple… Abbiamo la percezione che prima o poi realizzerà un iPhone per i poveri (senza offesa per nessuno in difficoltà economiche, ma è un modo di dire usato anche in vari campi come quella automobilistico ad esempio). Nossignori, i prezzi saranno sempre più alti della media, a prescindere.

    • Robertino68

      Non costi molto…. Parola grossa per Apple… Abbiamo la percezione che prima o poi realizzerà un iPhone per i poveri (senza offesa per nessuno in difficoltà economiche, ma è un modo di dire usato anche in vari campi come quella automobilistico ad esempio). Nossignori, i prezzi saranno sempre più alti della media, a prescindere.

  • marco

    SKYLAKE?!