Home Tags Jon Rubinstein

Tag: Jon Rubinstein

Joni Ive e Jon Rubinstein

Jonathan Ive: carattere controverso, grande ego

Jonathan Ive è una persona controversa, un uomo non accettato da tutti, e segnato da un grande ego. Ecco come Yukari Kane descrive il...
Steve Jobs ed Eric Schmidt

Jobs ideò il sistema anti concorrenziale che ha frenato gli stipendi della Silicon Valley?

Secondo le ultime ricostruzioni del New York Times, Steve Jobs fu il principale propugnatore del tacito "patto di non aggressione" che le aziende della Silicon Valley hanno stretto fra loro per non sottrarsi dipendenti l'un l'altra, e per il quale subiranno le conseguenze di una classa action appoggiata da 64 mila ingegneri.
Scott Forstall,

Scott Forstall ora aiuta le startup e si occupa di beneficenza

Scott Forstall ex Senior Vice President del software iPhone pare abbia viaggiato molto ultimamente: è stato diverse volte in Italia e Sud Africa. Ora si occupa di dare consigli a startup e si sta dedicando alla filantropia, forse in attesa di avviare una sua società
Scott Forstall,

Scott Forstall non ha più vincoli con Apple?

L’ex Senior Vice President del software iPhone non avrebbe più alcun vincolo con Apple e un anno dopo l’allontanamento dal suo incarico sarebbe ora libero di andare dove vuole.
Il presidente di TBWA ha parlato di Jobs: “Il nome Apple ispirato da Sony”.

Jobs inizialmente voleva un iPhone tutto d’alluminio

Il primo iPhone immaginato da Jobs non era come quello che fu poi presentato. L’allora CEO di Apple aveva richiesto un dispositivo tutto d’alluminio, ma non aveva considerato il problema delle onde radio
Scott Forstall,

Scott Forstall potrebbe essere chiamato a testimoniare nel processo Apple Vs Samsung

Nel processo di revisione giudiziaria che vede contrapposte Apple e Samsung potrebbero essere chiamati a testimoniare Scott Forstall, il dirigente in passato a capo del team che ha sviluppato iOS, e il responsabile Worldwide Marketing di Apple Phil Schiller.
Prototipo interfaccia iPhone

La nascita di iPhone, storia del progetto super-segreto di Apple

Alcuni componenti che hanno lavorato per primi al progetto iPhone, hanno raccontato curiosi aneddoti sulla genesi che portò alla nascita di iPhone e iPad, rivelando lo smisurato livello di segretezza imposta da Cupertino e che il computer usato per i test preliminari fu un vecchissimo PowerMac G3
Jon Rubinstein: “iOS 7 ispirato a webOS”

Jon Rubinstein: “iOS 7 ispirato a webOS”

Rubinstein in un'intervista definisce iOS 7 (ma non solo) ispirato a numerose funzioni e caratteristiche di webOS, sfortunato ma apprezzato OS mobile del Palm Pre. Ripensa poi alla vendita di Palm ad HP, pentendosi della decisione.

Rivoluzione in Apple: via Forstall e Browett, Ive capo dell’interfaccia umana

Apple annuncia una rivoluzione ai vertici. Se ne vanno Forstall, potentissimo ed influente capo del settore iOS, e John Browett, responsabile dei negozi. Pagano errori pesanti come il contestato lancio di Mappe, i fallimenti di iAd e le retromarce sulle novità introdotte nella politica di gestione degli store. Sale la stella di Ive che diventa anche capo dell'interfaccia umana, a Mansfield il compito di gestire un nuovo settore che si occuperà di wireless e di processori.

Scott Forstall, lo zar di iOS ora rischia il posto?

Mappe, Siri e iAd: “creature” che funzionano poco e male e che fanno puntare il dito contro Scott Forstall. Senior Vice President della sezione iOS Software in Apple, in altre parole la persona che ha la completa (o quasi) responsabilità su tutto ciò che riguarda le scelte in materia software sui dispositivi Apple.

Steve Jobs, sette mosse che cambiarono Apple per sempre

La Apple che conosciamo oggi è una realtà florida ed economicamente rigogliosa che sforna successi uno dopo l’altro. L’andamento dell’azienda non è stato sempre tutto rose e fiori, in particolare il periodo nero dopo che Jobs venne cacciato dall’azienda che fondò. Nel 1997 Steve Jobs fu richiamato come “consulente” e da quel momento in poi, tutto fu diverso. Un breve elenco delle mosse strategiche che cambiarono per sempre il volto di Apple.

Bob Mansfield, nuovo ruolo da definire in Apple?

Apple, come noto, ha fatto sapere che pur lasciando l'incarico che aveva in precedenza a Riccio, non lascerà l'azienda, ma continuerà a occuparsi di futuri prodotti collaborando direttamente con Tim Cook. Sul sito con le biografie dei dirigenti, non ancora indicato il ruolo che avrà l’ex direttore di SGI responsabile dello sviluppo e design di alcuni processori.

Bob Mansfield, capo dell’hardware Apple, va in pensione

Bob Mansfield annuncia il suo ritiro. È stato a capo del settore hardware di Apple nel corso degli anni del successo di prodotti come MacBook Air, MacBook Pro Unibody, iPad, iPhone. Al suo posto Dan Riccio, che guida la divisione iPad.

Meg Whitman: «webOS sarà  migliore di iOS e di Android»

Meg Whitman, CEO di HP, si mostra entusiasta sul futuro di webOS, da poco reso open source. "webOS sarà migliore di iOS e di Android" dice in un'intervista a CRN, dove promoette anche un rientro dell'azienda nel mercato tablet ma con Windows 8 su ARM.

HP perde anche lo Chief Architect di WebOS, Brian Hernacki

WebOS perde un altro pezzo importante: dopo Jon Rubinstein è ora il turno di Brian Hernacki, importante personaggio che ricopriva la carica di Chief Architect nella sezione che si occupa del sistema operativo mobile.

Rubinstein se ne va da HP

Jon Rubinstein lascia HP. L'ex dirigente Apple, protagonista della rivoluzione iMac e poi iPod, paga gli insucessi di Palm e l'incapacità di espostare la cultura della mobilità in seno alla società di Palo Alto. Il suo ruolo era ormai ininfluente da mesi.

Omaggio a Steve Jobs: la fotogalleria di Macitynet

Macitynet rende omaggio a Steve Jobs a due settimane dalla sua scomparsa con un ricordo fotografico. Nella nostra galleria alcuni degli scatti dai Keynote a cui i nostri inviati hanno assistito direttamente condividendo l'emozione di appassionati, giornalisti e sviluppatori di fronte a quelli che sono stati spettacoli irripetibili in cui il fondatore di Apple ha saputo esporre il meglio del lavoro della sua azienda e delle proprie capacità creative e di marketing.

Amazon e HP sono in trattativa per la cessione di WebOS.

Amazon e HP sono in fase di negoziazione e la prima ha già in tasca WebOS. Lo rivela VentureBeat riferendo che la compagnia nota per il commercio elettronico potrebbe sfruttare il sistema operativo un tempo di Palm o sue parti in accoppiata al nuovo Kindle Fire.

Samsung interessata all’acquisto di WebOs?

Secondo un sito taiwanese Samsung starebbe valutando la possibilità di acquistare webOS da HP. Il sistema operativo che fu di Palm darebbe alla società coreana la possibilità di prepararsi un'alternativa nel caso Google dovesse puntare con decisione sulla produzione di hardware dopo l'incorporazione di Motorola e combattere ad armi pari con Apple, avendo a disposizione hardware e software sviluppati in casa. Ma webOS darebbe a Samsung anche un'altra carta importante da giocare sul tavolo della partita che gioca contro Apple.

HP, addio all’hardware touch e al mercato dei tablet

HP annuncia la dismissione del business hardware per la produzione di computer touch concorrenti di iPad. L'addio all'ambizione di competere nel settore in cui domina il dispositivo della Mela è parte di un vasto progetto di ristrutturazione del business che comporterà anche lo spin off del gruppo che produce i PC e la focalizzazione su servizi cloud e mercato delle imprese.

TouchPad HP: oceano di pezzi invenduti nelle grandi catene USA

Negli USA diversi segnali puntano a vendite deludenti per l'elegante tablet TouchPad di HP. Sconti da 50 e 100 dollari a poco tempo dal lancio: le vendite scarse sarebbero confermate anche da alcuni documenti di Best Buy ma la situazione sembra identica anche presso Wal-mart, Fry's, Microcenter, Costco e altre catene ancora.

Apple: un miliardo di dollari a Sharp per avere schermi per iPhone e iPad

Apple secondo un analista avrebbe finanziato Sharp con un milardo di dollari per ammodernare uno degli impianti della società giapponese dove vengono costruiti schermi LCD. L'obbiettivo è avere per prima e in larghe quantità display per iPad e iPhone.

HP sostituisce Jon Rubinstein a capo del progetto WebOS

Jon Rubinstein, “padre" di WebOS, eliminato dal ruolo chiave di capo della WebOS Global Business Unit. Al suo posto arriva Stephen De Wit, sin dal 2008 già impiegato nella divisione Personal System Group di HP.

Il CEO di Nokia chiede a dipendenti di usare l’€™iPhone

Davanti ad una platea di 1160 ingegneri di Nokia, il CEO dell’azienda ha chiesto quanti usavano iPhone o smartphone con Android. Poche mani si sono sollevate nel corso della riunione e l’amministratore delegato ha detto: “Non sono infastidito se qualcuno di voi usa l’iPhone, lo sono se lo usate poco. Preferisco le persone che hanno curiosità intellettuale, che cercano di capire con chi vogliamo competere”.

TouchPad, ecco la sfida di HP ad Apple ed iPad

HP annuncia TouchPad, il tablet che dovrebbe contrastare iPad e l'esercito dei touch Android. Processore Snapdragon da 1.2 GHz, schermo identico a quello del dispositivo Apple, multitouch e porte aperte ai contenuti che trovano difficoltà ad avere spazio in iTunes Store. Ma per ora niente connettività 3G e soprattutto lancio in estate, (molto) dopo la presentazione di iPad 2 che potrebbe avere tutto quel che ha il nuovo computer con WebOS. [aggiornato con video dell'intero evento]

Rubinstein, ex capo settore iPod, nel consiglio di amministrazione Amazon

Jon Rubinstein, già capo del settore iPod di Apple e poi amministratore delegato di Palm, entra nel consiglio direttivo di Amazon. Una nuova conferma dell'aumento di interesse da parte della società di Seattle per il business dei dispositivi per intrattenimento personale?

Jon Rubinstein: “Sono il Jobs di Palm”

Il CEO di Palm ora dirigente di HP, riconosce come la sua azienda avrebbe dovuto guidare il mercato degli smartphone. Rubinstein ha paragonato il suo arrivo in azienda nel 2007 alla situazione che si trovò di fronte Jobs al suo ritorno in Apple nel 1996, quando l’obiettivo era rimediare ad anni di errori.

Apple ha cercato di comprare Palm?

Secondo una rivista on line americana Apple avrebbe partecipato all'asta per acquistare Palm. Offerti 600 milioni di dollari per entrare in possesso delle proprietà intellettuali e dei brevetti. Cupertino avrebbe voluto la società di Sunnyvale per concorrere con Rim nel settore dei dispositivi con tastierino elettro-meccanico.

Apple assume Rich Dellinger

Rich Dellinger, il designer di molti degli elementi dell’interfaccia del webOS di Palm, è da un mese al lavoro in Apple. Non è chiaro quale sarà il ruolo di Dellinger in Apple ma è probabile che la sua esperienza sarà sfruttata per migliorare l’iOS (nuovo nome dell’iPhone OS), in particolare l’attuale sistema di notifiche.

HTC compra brevetti Microsoft per Android

Redmond ottiene il pagamento di alcuni brevetti da parte di HTC violati dai suoi cellulari Android. L'orizzonte si fa meno turbolento per la casa taiwanese, anche in rapporto alla causa in corso con Apple, ma il panorama per i partner di Google nel settore della telefonia si complica terribilmente.

HP compra Palm, finisce un’era

HP annuncia di avere acquistato Palm. «Un sistema operativo innovativo - dicono i vertici di Palo Alto - ci consentirà di competere nel campo dei dispositivi mobili». Finisce la storia come realtà indipendente di una delle società che ha segnato l'alba dell'informatica da tasca ma che aveva sbagliato troppo e troppo a lungo per poter continuare a sopravvivere da sola in uno scenario affollato di pesci troppo grossi da combattere.

Rubinstein vicino all’addio a Palm?

Dopo l'abbandono di alcuni manager di primo piano, Palm potrebbe veder presto partire Jon Rubinstein. L'ex capo dell'hardware Apple e del settore iPod non sarebbe considerato adatto ai tempi in cui vive la società del Pre e che chiedono qualcuno capace di trattarne la cessione.

ULTIMI ARTICOLI

Recensioni

iGuida

Seguici e aggiungi un Like:

64,698FansMi piace
97,635FollowerSegui