WatchOS 6: tutto quello che sappiamo

watchOS 6 accompagnerà il lancio di iOS 13 e macOS 10.15. Ecco tutto quello che sappiamo del nuovo sistema operativo che dovrebbe debuttare a settembre

WatchOS 6 potrà scaricare direttamente app e avrà memo vocali, tracciamento ciclo mestruale, lettore iBooks

Una delle novità che saranno presentate alla WWDC 2019 è sicuramente watchOS 6. Anche se si conosce relativamente poco delle sue funzioni e dei progetti intorno ad esso (mentre di iOS 13 e  macOS 10.15 è parlato parecchio), la sensazione è che ci sarà molta carne al fuoco intorno a questo sistema operativo che sta diventando molto importante per Apple.

Il maggior “leak”, quindi la fonte principale di indiscrezioni, è stato un articolo di Bloomberg pubblicato ad inizio maggio. È grazie ad esso che ci possiamo fare un quadro complessivo del nuovo sistema operativo e soprattutto intuire che il suo scopo principale sarà quello di rendere Apple Watch un po’ più (anche se non del tutto) indipendente da iPhone.

Scaricare app direttamente da App Store

La più importante della novità per il sistema operativo di Apple Watch, il cui rilascio sarà quasi certamente a settembre e che ha già suscitato attenzione da parte di alcuni designer che ne hanno immaginato il “volto”, potrebbe essere la possibilità di scaricare direttamente sull’orologio le applicazioni. Di fatto il sistema operativo renderebbe più indipendente l’accessorio da iPhone da cui oggi dipende, invece, in tutto e per tutto, inclusa l’installazione di App che, come noto, passa per l’applicazione Watch.

Nuove applicazioni

Un secondo aspetto rilevante riguarda alcune applicazioni che, oggi assenti da Apple Watch, verranno rese compatibili con esso. Una di queste sarà Memo Vocale. Quel che potremo fare grazie a watchOS 6 sarà quindi registrare degli appunti direttamente dal polso, dettandoli, allo stesso modo di quel che si fa oggi con iPhone. Arriveranno anche una applicazione per ascoltare i libri e la calcolatrice.

La salute sarà vigilata ancora più accuratamente da Apple Watch che nella sua attuale versione con watchOS 5 è in grado di misurare i battiti e fare l’elettrocardiogramma. In aggiunta a questo vedremo un’app denominata Dose per ricordarsi di prendere i medicinali alle ore appropriate e un’altra che si chiamerà Ciclo, per tracciare i cicli mestruali.

Apple aggiungerà anche la possibilità di gestire Animoji e Memoji direttamente dal dispositivo, sincronizzandoli dall’iPhone.

Novità di WatchOS 6: download di app, memo vocali, tracciamento ciclo mestruale, lettore iBooks

Nuove facce e complicazioni

Apple aggiungerà anche nuove facce e nuove complicazioni.

Le complicazioni riporteranno lo stato della lettura di un libro audio, il livello della batteria dei dispositivi di ausilio auricolare, il livello di rumore esterno e i dati sulla pioggia.

Per quanto riguarda le “facce” quella che si chiamerà “Gradiente” mostrerà, appunto, un gradiente di colore basato sulla scelta dell’utente, due facce “X-Large” mostreranno numeri over size con differenti colori e fonti, “California” avrà un look classico ma che mixerà numeri romani e arabi. Avremo anche una faccia che si chiamerà “Solare analogico” che imiterà una meridiana e una che si chiamerà “Infograph Subdial” che include nuove complicazioni di maggiori dimensioni come l’andamento di una azione in borsa o il meteo.

Miglior integrazione con il Mac

Secondo alcune fonti, il Mac ed Apple Watch avranno una miglior integrazione. Attualmente non è chiaro che cosa questo significhi, ma è chiaro che questo dovrebbe portare il legame tra i due dispositivi al di là della semplice capacità di sbloccare il computer mediante Apple Watch. Una delle ipotesi avanzate è che l’Apple Watch possa essere usato per autenticare operazioni che oggi sono gestire da Touch ID sui Mac che ne sono dotati e che grazie ad Apple Watch saranno operative anche su altri Mac che non hanno Touch ID. Altra ipotesi è che su Apple Watch possa essere resa disponibile una nuova interfaccia simile a quella con cui viene gestito Apple Pay per confermare l’autenticazione su macOS.

Monitoraggio sonno

Ricordiamo che Apple, secondo molte fonti, potrebbe introdurre anche funzioni di monitoraggio del sonno in Apple Watch. Resta da vedere se queste saranno compatibili con tutti gli Apple Watch in commercio, quindi saranno parte di watchOS 6, oppure Cupertino non sceglierà di renderle compatibili unicamente con Apple Watch 5 il cui lancio è sempre previsto per l’autunno quando dovrebbe debuttare watchOS 6. Nel suo report Bloomberg sembra propendere per questa seconda opzione. Bloomberg, come detto la principale fonte di indiscrezioni su watchOS 6, fa riferimento alla funzione, dice che il sistema operativo si integrerà “con futuri dispositivi per il tracciamento del sonno, come un nuovo Apple Watch”. Esclusi, quindi, almeno apparentemente, tutti i vecchi e i presenti Apple Watch.

Che cosa vorremmo vedere

Tra le cose che gli utenti vorrebbero vedere ce ne sono alcune che molto probabilmente sono possibili, altre che sembrano del tutto impossibili. Elenchiamo qui di seguito quelle di cui si parla più frequentemente

  • Compatibilità con Android
  • Schermo sempre acceso
  • Cerchi attività personalizzabili
  • Funzioni automatiche di attivazione di un maggior numero di sport
  • Face ID
  • Sfide multi utente
  • Facce di terze parti

Apple Watch diventerà autonomo? Alla WWDC19 capiremo il suo futuro

Data di rilascio e compatibilità

WatchOs 6 sarà quasi certamente, diremmo certamente, annunciato alla WWDC 2019. La data di rilascio è invece legata in linea al lancio del nuovo hardware Apple che potrebbe arrivare tra metà e fine settembre; specificatamente dovrebbe debuttare con Apple Watch 5 di cui poco o nulla si conosce e che per tradizione (fatta eccezione per la prima versione) accompagna il lancio di iPhone. Possiamo quindi indicare per watchOS 6 un debutto autunnale in linea con iOS 13.

Compatibilità

Per quanto riguarda la compatibilità, possiamo tranquillamente dire che sarà utilizzabile su Apple Watch 3 e Apple Watch 4. Probabile la sua compatibilità anche con Apple Watch 2, improbabile quella con Apple Watch Series 1, la versione aggiornata dell’Apple Watch originale. Si tratta ovviamente solo di una deduzione che deriva dal fatto che l’Apple Watch originale non è compatibile con l’attuale watchOS 5 e quindi si ipotizza che il prossimo a cadere sarà Apple Watch Series 1 (una versione modificata di Apple Watch con un nuovo SIP); in ogni caso non è detto che come accaduto per iOS 12, reso compatibile anche con i vecchissimi iPhone 5s, Apple non possa estendere la vita operativa dei vecchi Apple Watch, benché ci siano meno ragioni per farlo di quante non ce ne fossero per la scelta compiuta sui telefoni.