WWDC 2018, le novità in arrivo: non solo iOS 12

WWDC 2018, le novità in arrivo: non solo iOS 12

Lo scorso anno Apple svelò HomePod, iMac Pro, le migliorie a Siri, nuove funzionalità multitasking, l’iPad Pro da 10,5 pollici e altre caratteristiche per il sistema operativo mobile. Ecco cosa aspettarsi invece dalla WWDC 2018.

Tra i prossimi grandi eventi di Apple riveste sicuramente un ruolo d’eccezione la WWDC 2018, conferenza dedicata al mondo degli sviluppatori, ma che negli ultimi anni ha catturato anche l’attenzione degli utenti, per via delle numerose presentazioni della società. Lo scorso anno fu proprio in questa occasione che Apple svelò HomePod, iMac Pro, le migliorie a Siri, nuove funzionalità multitasking, l’iPad Pro da 10,5 pollici e novità per iOS. Ecco cosa aspettarsi dalla WWDC 2018.

WWDC 2018 Quando sarà?

La WWDC 2018 si terrà dal 4 all’8 giugno al McEnery Convention Center di San Jose, in California, stesso luogo che ha ospitato l’edizione dello scorso anno, mentre negli anni ancora passati, precisamente tra il 2003 e il 2016 ha visto luce al Moscone Center di San Francisco. Si aprirà con un keynote di Tim Cook, anche se l’invito diffuso nella serata del 22 maggio che ha ufficializzato l’evento introduttivo, non menziona l’amministratore delegato di Apple.

L’evento è largamente riservato agli sviluppatori. Questo significa che quanto verrà raccontato durante la (quasi) settimana di incontri, è sottoposto ad accordo di riservatezza e le sezioni sono chiude al pubblico non iscritto.  Per questo il keynote rappresenta un momento rilevante per avere un indirizzo sulle strategie di Apple.

WWDC 2018, l'invito al keynote
WWDC 2018, l’invito a keynote

WWDC come si partecipa?

Alla WWDC 2018, come per le precedenti, possono partecipare, come accennato, solo gli sviluppatori Apple, ovvero gli iscritti al programma “developers” della Mela. Iscriversi non basta però. Nelle settimane scorse, infatti, fino 22 marzo, sul sito web della WWDC gli sviluppatori hanno avuto la possibilità di fare richiesta dei biglietti, assegnati ai partecipanti attraverso una selezione casuale. Gli sviluppatori sono stati informati sull’esito della loro richiesta entro le 17:00 (PDT) del 23 marzo. Dopo aver ottenuto la luce verde, hanno dovuto poi pagare 1599 dollari per l’ingresso.

Sono state anche regalate 350 borse di studio WWDC, offrendo così a studenti e membri delle organizzazioni STEM l’opportunità di ricevere un biglietto gratuito. I dettagli per la candidatura degli studenti sono disponibili sul sito web della WWDC.

Ma che cosa vedranno gli sviluppatori e, limitatamente, tutti quelli che seguiranno l’evento? Di sicuro non c’è nulla, ma qualche ipotesi è possibile farla.

iOS 12

Praticamente certa la presenza alla WWDC 2018 di iOS 12. Sarà durante l’evento del prossimo giugno che la società inizierà ufficialmente a parlare di iOS 12, prossimo grande aggiornamento, che investirà i dispositivi mobili, quindi iPhone e iPad. Dovrebbe trattarsi di un aggiornamento focalizzato sulla stabilità, quindi senza evidenti cambiamenti sul versante grafico o delle funzionalità, ma con Apple si sa, le sorprese potrebbero essere dietro l’angolo. A questo indirizzo tutte le novità su iOS 12; l’articolo sarà costantemente aggiornato man mano che saranno resi noti rumor, indiscrezioni e certezze sul prossimo OS mobile.

wwdc 2018 iOS 12

Nelle ultime settimane, peraltro, è aumentato l’impiego di iOS 12: 9to5mac ha visto un cospicuo aumento di accessi provenienti da smartphone e tablet della Mela con iOS 12 a bordo. La stragrande maggioranza degli indirizzi IP porta a Cupertino, ma anche alla vicina San Francisco e in generale nella Bay Area con una sola interessante eccezione a Shanghai, l’unica città top a registrare una concentrazione di dispositivi funzionanti con i prossimi nuovi sistemi operativi Apple. Il dispositivo top, ancora una volta non a caso, visualizza le pagine web con una risoluzione pari a quella di iPhone X, seguito da iPad.

iPhone X low cost

Sempre in tema iPhone, Apple potrebbe anche decidere, anche se sarebbe una sorpresa a dire il vero, di svelare una nuova edizione dell’iPhone X, magari una variante low cost. Secondo i rumor potrebbe trattarsi di un terminale senza il supporto al 3D touch, ritenuto sacrificabile dalla società, pur di contenere i prezzi. Sembra comunque difficile che già a giungo Apple decida di svelare questo nuovo terminale, anche perché al momento la lineup 2018 è accreditata di tre diversi modelli di iPhone, due OLED e uno LCD, che quasi certamente seguiranno la solita tabella di marcia, con la presentazione attesa per settembre prossimo.

iPhone SE2

Davvero controverso è, invece, il tema iPhone SE 2. Se fino a qualche settimana fa sembrava confermata l’assenza di piani per un iPhone SE 2, nelle ultime settimane sono apparsi in rete foto e render del presunto nuovo iPhone da 4 pollici.  il modello attuale è stato introdotto a marzo di due anni fa, mentre un anno fa Apple ha raddoppiato la capacità di storage mantenendo però inalterate le componenti principali, che rimangono il processore Apple A9 come iPhone 6s e 2 GB di memoria RAM

apple mercato cina

macOS 10.14

Accanto ad iOS 12, alla WWDC 2018 sarà presente anche la prossima versione del sistema operativo desktop di Apple, macOS 10.14. In questa nuova versione, l’obiettivo principale di Apple sarà quello di incrementare la sicurezza e migliorare le prestazioni, ma ciò non significa assenza di nuove interessanti funzionalità. Nei giorni scorsi si è parlato della possibilità che le applicazioni iOS risultino veramente universali, quindi in grado di funzionare su Mac. Secondo quanto dichiarato da Bloomberg Apple vuol offrire all’utenza un modo per utilizzare un unico insieme di applicazioni, che funzionano su tutti i dispositivi, mobili e desktop. Già su macOS 10.14 e iOS 12 potrebbe esserci questa totale convergenza.

app universali iPhone, iPad e mac - marzipan progetto apple per app universali

watchOS 5

Tornando sul versante software, invece, la WWDC 2018 sarà l’occasione per inaugurare watchOS 5, il nuovo sistema operativo da installare a bordo degli indossabili Apple, quindi su Apple Watch. Potrebbe essere un aggiornamento ottimizzato e costruito intorno alla terza revisione dell’orologio intelligente, quello con supporto LTE. Tra le caratteristiche che in molti immaginano essere presenti sul nuovo sistema operativo, anche una funzione di monitoraggio del sonno, oltre alla possbilità di maggiori personalizzazioni, nuove funzioni sul Control Center, nuove watch faces, e altro ancora. A questo indirizzo le cinque novità che secondo Macitynet hanno cambiato il modo di usare Apple Watch grazie al precedente watch OS 4.

Attesa alla WWDC 2018 anche l’app di Spotify per Apple Watch. Potrebbe essere mostrata per la prima volta al pubblico durante la Worldwide Developer Conference di Apple che si terrà a giugno; secondo i rapporti, l’app è stata costruita sulla base di un nuovo framework denominato StreamKit che sarà rilasciato agli sviluppatori nel corso dell’evento – sarà supportato a partire da watchOS 5 – e che permetterebbe agli Apple Watch di riprodurre musica in streaming e ricevere notifiche da app di terze parti. Sebbene l’arrivo di un’app dedicata per Apple Watch potrebbe essere scontata, stupisce invece scoprire che Apple potrebbe effettivamente aver concesso a Spotify l’accesso anticipato a un nuovo framework, non solo perché questo garantirebbe all’azienda un vantaggio competitivo rispetto agli altri sviluppatori, ma soprattutto in considerazione del fatto che Spotify è a tutti gli effetti un servizio concorrente di Apple Music

spotify apple watch

Mac Pro

Ovviamente, la WWDC 2018 sarà occasione anche per parlare di Mac. Quello che ci si aspetta per il prossimo giugno è un aggiornamento alla linea Mac Pro. Si tratta quasi di una certezza, dato che è stata la stessa Apple ad annunciarlo in un comunicato stampa ufficiale: “In aggiunta al nuovo iMac Pro, Apple sta lavorando sulla prossima generazione di Mac Pro, completamente ridisegnata, studiata per i clienti che hanno bisogno del massimo delle prestazioni, ma anche di un sistema modulare e aggiornabile.” Insomma, la lunga attesa sembra volgere al termine: la WWDC 2018 potrebbe dare finalmente i natali alla prossima generazione di Mac Pro.

Nuovo monitor Apple

Quasi dovuta, anche in concomitanza con la nuova versione di Mac Pro, la presentazione di un nuovo monitor. Lo stesso comunicato stampa ufficiale sopra richiamato ha fatto menzione ad una  “visualizzazione high-end”, lasciando intendere che il nuovo Mac Pro si sposerà con un nuovo monitor ad alte prestazioni. Si tratterà di un monitor Apple con risoluzione 8K?

MacBook e Mac mini

Se la presentazione di un nuovo Mac Pro sembra quasi certa, tutt’altro sul versante Mac mini, dove c’è solo la speranza che Apple possa finalmente aggiornare la line up. Ormai sono quasi 4 anni che tutto tace da questo punto di vista. Possibile, invece, un aggiornamento minore alla linea Macbook; in questo caso si tratterà quasi certamente dell’arrivo di nuove componenti interne, ma nulla che possa rivoluzionare i device portatili della Mela.

Per l’esattezza, si vocifera di un MacBook Air “low cost, chiacchierato nelle settimane scorse, che potrebbe fare capolino proprio a giugno. A sostenerlo, oltre che l’analista Ming-Chi Kuo di KGI Securities, anche il sito taiwanese Digitimes. In base alle affermazioni, il notebook avrebbe un pannello da 13.3″ con matrice creata usando transistor depositando silicio amorfo (a-Si) scelto da Apple e vanterebbe la stessa risoluzione del MacBook Pro 13.3: 2560×1600 pixel.

C’è comunque preoccupazione per l’aggiornamento della linea Macbook. Nei giorni scorsi si è appreso infatti che Intel, che fornisce le componenti, e da qui Cupertino dipende largamente per avere macchine più innovative e potenti, ha rinviato la produzione dei Cannon Lake a 10 nm al 2019. Questo potrebbe comportare ritardi nella nuova linea Macbook, in particolare su Macbook Air 13.

rilascio del nuovo MacBook Air 13"

Jim Hsiao, senior analyst di Digitimes Research, prevede che le spedizioni dei nuovi MacBook arriveranno a circa quattro milioni di unità nel 2018 e per ridurre i costi, Apple avrebbe cercato un fornitore di pannelli per il MacBook in Cina ma poi siglato accordi con la coreana LG Display per via di problemi con il fornitore cinese.

ipad pro con face id

Nuovi iPad

L’ultimo importante aggiornamento alla linea di tablet Apple è arrivato proprio in occasione dello scorso WWDC 2017, con la presentazione di iPad Pro da 10,5 pollici. E’ possibile, allora, che il prossimo giugno Apple decida nuovamente di intervenire in questo settore e svelare la nuova line up di tablet. Difficile capire, al momento, di cosa possa trattarsi, ma i primi rumor suggeriscono che arriveranno nuovi device da 12.9 pollici e 10,5 pollici, con supporto al Face ID e, conseguentemente, l’assenza di un tasto fisico frontale. Questo porterà un cambiamento decisivo anche nel design, che saranno ispirati proprio ad iPhone X, con cornici maggiormente ottimizzate. Non c’è invece più attesa per un nuovo modello da 9,7 pollici, dato che Apple ha presentato il suo nuovo iPad low cost, iPad 2018, nelle scorse settimane. Quali che siano i tablet presentati, comunque, ci si aspetta una sempre maggiore convergenza tra il mondo dei tablet e quello dei Mac.

Negli ultimi giorni, Digitimes ha riferito che i canali di fornitura a monte avrebbero intanto cominciato a spedire le componenti anche per l’aggiornamento dell’iPad Pro, e per una previste versione meno costose rispetto all’attuale di iPad da 9.7″. Il nuovo iPad da 9.7″ secondo il sito taiwanese dovrebbe arrivare nel secondo trimestre del 2018 e il nuovo iPad Pro entro la seconda metà dell’anno.

Ultimi rapporti sui nuovi iPad e iPhone in arrivo quest’anno puntano anche su nuovi iPad Pro 11” e 12,9” con Face ID, da presentarsi proprio in occasione della WWDC 2018.

Apple TV

Non ci sarà certamente una nuova Apple TV sul palco della WWDC 2018, considerando il recente aggiornamento al set top box, con supporto al 4K. E’ però verosimile che Apple spenda qualche parola sul suo ingresso nel panorama degli show televisivi e nelle produzioni esclusive, per fare concorrenza ad Amazon Prime Video e, chissà, col il tempo, a Netflix. Apple ha già iniziato a produrre contenuti video originali, con la serie Carpool Karaoke o Planet of the Apps. Ha investito parecchio, 1 miliardo di dollari secondo il Wall Street Journal, per il futuro delle serie TV . Nei mesi scorsi si è parlato di un nuovo Campus in cui produrre le serie, mentre nelle scorse ore è emersa la produzione di un nuovo show televisivo esclusivo, dedicato ad un campione dell’NBA.

Jay Hunt

Ad oggi, Apple conta almeno 10 show televisivi in fase sviluppo, tra cui uno drammatico senza titolo, con Jennifer Aniston e Reese Witherspoon, oltre ad “Amazing Stories” da Steven Spielberg, un altro drammatico senza titolo dal creatore di Battlestar Galactica, Ronald D. Moore, una serie scritta dal creatore di “La La Land” Damien Chazelle, una serie comica di Kristen Wiig, “See”, il dramma “Home”, una docuserie basata su accadimenti incredibili, e “Little America”, una serie antologica dai creatori di “The Big Sick”, Kumail Nanjiani ed Emily V. Gordon.

Una nuova Siri

Secondo alcune voci, Apple starebbe preparando anche una nuova versione di Siri. Nel corso della giornata del 21 maggio le voci al proposito si sono apparentemente rafforzate, seguendo alcune risposte che l’assistente virtuale ha lanciato a qualche curioso che ha provato a chiederle qualche informazione sulla conferenza. In realtà le repliche di Siri erano le stesse dello scorso anno, quindi, almeno da questo punto di vista eravamo di fronte ad un falso allarme.

In realtà Apple sta lavorando massicciamente a Siri in maniera costante. Recentemente ha assunto anche 130 ingegneri per questo scopo. Se qualche novità dovesse esserci potrebbe essere quindi sì, raccontata, ma non sarà certamente tutto quel che sta accadendo dietro a questa tecnologia. che evolve costantemente

Gli sfondi della WWDC 2018

Per chi volesse già sentirsi in pieno clima WWDC 2018 è possibile scaricare gratuitamente gli sfondi ad hoc per iPhone. Li trovate a questo indirizzo.